Cina: un lavoratore migrante ha scritto una canzone sulla cattiveria della polizia ed è finito in galera

In Cina, un operaio che ha scritto una canzone sulla brutalità della polizia, ha trascorso due settimane in prigione, riferisce il South China Morning Post.

Huang Ming è stato arrestato all’inizio di aprile nel dormitorio di una delle fabbriche della città di Heyuan, nella provincia del Guangdong. È stato accusato di aver scritto due anni fa una canzone su come le guardie hanno picchiato un uomo e hanno messo tutto sui social media.

Nella canzone Ming, che è nato a Czhenson, provincia di Yunnan, racconta come un giovane uomo che guidava una moto cancella un po di vernice da un segnale stradale a cui passa sopra, e questo fa arrabbiare la polizia.

Ming stava cercando un uomo che avrebbe accettato di cantare la sua canzone, e stava anche per girare un video in cui voleva includere le scene del pestaggio. “Pale e zappe, i poliziotti le hanno sollevate per picchiare Lun Anyu. Lun Anyu si è rotto le costole e il sangue scorre dalla sua testa. La polizia, come fanno i banditi, se ne va” dice la canzone.

In altre rime scrive che la città è impantanata nella corruzione, e invita i cittadini alla ribellione.

L’autore della canzone, accusato di violazione dell’ordine pubblico, è finito due settimane in prigione ma ha detto che non si pente del suo gesto. La polizia, che ha picchiato il protagonista della canzone, è stata punita e la vittima ha ricevuto 450 mila yuan di compensazione, secondo il rapporto della polizia

Fonte: Sputnik News,19/04/2019

English article,SCMP:

Migrant worker detained in China over song about man being beaten by officials

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.