CINA: torture all’attivista Li Biyun. Un rapporto all’inviato Onu

La donna era impegnata contro la requisizione forzata delle terre e si era candidata ad alcune elezioni locali. Li Biyun accusa la polizia di averla assaltata mentre era in manette, di averla privata di cibo, acqua e cure mediche, si averle fatto subite torture come “il banco della tigre”. La Cina ha firmato nel 1998 la Convenzione Onu sulla tortura.

Guangzhou (AsiaNews/CHRD) – L’inviato speciale Onu sulla tortura ha ricevuto documentazione sulle torture subite dall’attivista Li Binyun ad opera della polizia.

La polizia ha preso di mira Li quando lei ha cominciato ad operare a Foshan contro la requisizione forzata delle terre e in seguito quando lei si è presentata come candidata indipendente in un’elezione locale nel 2011.

 La documentazione è stata presentata dal CHRD (China Human Rights Defenders). Li accusa la polizia di averla torturata molte volte mentre era detenuta dal 2009 al 2014. Le violenze comprendono assalti fisici (mentre era ammanettata), il “banco della tigre” (una forma di tortura in cui il prigioniero è seduto per lungo tempo su una stretta sbarra di metallo e ha i piedi e le gambe legati e alzati, molto usata nei laojiao – v. foto), privazione di cibi e acqua, violenza verbale e divieto di cure mediche.

Di recente la polizia l’ha imprigionata dall’ottobre 2013 per 14 mesi: metà del tempo ella è stata ricoverata all’ospedale per le ferite riportate dai pestaggi dei poliziotti. Nell’ospedale la donna era ammanettata al letto, privata di medicine e di altre cure mediche.

Le forze dell’ordine l’hanno rilasciata lo scorso dicembre e Li è stata subito ricoverata in emergenza. La donna soffre ormai di danni permanenti alle gambe e alla schiena e la polizia continua a minacciare lei e la sua famiglia.

Nel 1988 la Cina ha firmato la Convenzione Onu contro la tortura, che obbliga il Paese a eliminare le violenze, a perseguire gli esecutori delle torture e a ricompensare e riabilitare le vittime.

AsiaNews,05/03/2015

English article, CHRD: Rights Lawyers Fight Against Reprisals

 Articoli correlati:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.