Cina. Torturano i cani per costringere gli animalisti a comprarli

Non si spengono le polemiche che circondano da anni il festival cinese di Yulin, dove migliaia di cani e gatti vengono seviziati, uccisi e mangiati, Impossibile sapere quanti cani siano stati ammazzati quest’anno, ma una stima dell’ong Animal Welfare Project mette i brividi: 40mila animali uccisi.

A differenza delle edizioni passate quest’anno decine di giornalisti stranieri si sono recati al festival nella regione dello Guangxi Zhuang e così il mondo ha potuto vedere.

Cani rinchiusi in piccole gabbie, cani uccisi e bruciati per togliere il pelo: immagini che tolgono il fiato.

Molti animalisti cinesi hanno provato a salvare il maggior numero di animali possibile, comprandoli.

Compassion for China’s Animal è stata una delle associazioni più attive a Yulin nelle scorse settimane.

I venditori, scrive il sito Geapress.org, hanno utilizzato tecniche disumane pur di vendere a buon prezzo i cani agli animalisti.

 Così come reso noto dalla ONG, pur di convincere gli animalisti ad acquistare, i venditori colpiscono i cani dopo averli legati.

Articolo  Tre,25/06/2016

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.