Cina | Tortura, sterilizzazione forzata e privazione dei bambini dalla serata familiare: le atrocità cinesi creano una generazione di odio nello Xinjiang, prevede un esperto.

Rete di campi di concentramento. Tortura. Lavoro forzato. Tali parole abbondano nelle notizie internazionali sullo Xinjiang cinese, la patria della minoranza uigura. Ogni volta che il lettore pensa che non possa andare peggio, nuove parole compaiono nei titoli: Sterilizzazione forzata delle donne. Matrimonio forzato. Privazione dei bambini negli orfanotrofi.

“Le violazioni dei diritti umani peggiori e più preoccupanti del nostro tempo”, dice un ricercatore specializzato nello Xinjiang in un’intervista telefonica David O’Brien dell’Università tedesca della Ruhr.

“La situazione nello Xinjiang è davvero spaventosa in questo momento. In ogni famiglia uigura. “

La Cina nega tutto, ma non consente ad organismi imparziali di indagare su cosa sta facendo agli uiguri e ad altre minoranze nello Xinjiang.

Un anno fa, il New York Times ha pubblicato documenti trapelati sull’amministrazione cinese che hanno rivelato il trattamento sistematico degli uiguri.

Oppure la Cina non negherà più tutto. Con l’aumentare delle prove della comunità internazionale del  forzato di oltre un milione di uiguri, la Cina ha annunciato di aver ammassato in buona fede uiguri disponibili a centri di formazione professionale. Secondo la Cina le accuse sono calunnia malevola,.

Le segnalazioni delle singole vittime sono difficili da verificare, ma le segnalazioni di vittime e parenti ascoltate da Ong, ricercatori e giornalisti, così come i documenti trapelati, confermano l’immagine della provincia degli orrori.

Perché la Cina sta perseguitando gli uiguri?

Se chiedi alla Cina, nega la persecuzione. Secondo la Cina, migliorerebbe il tenore di vita degli uiguri istruendoli e un aumento del tenore di vita impedirebbe la radicalizzazione. Le gigantesche misure di sicurezza della provincia, a loro volta, sarebbero necessarie per la sicurezza.

Negli anni 2010, ce n’erano di grandi fatti con coltelli ed esplosivi nello Xinjiang e altrove in Cina attentatori terroristici, di cui la Cina accusava separatisti uiguri o jihadisti. In molti casi, le accuse probabilmente hanno colpito nel segno, ma alcuni casi sono coperti dal crepuscolo.

La Cina chiede che si risponda al terrorismo in altre parti del mondo.

David O’Brien sottolinea che ci sono circa 11 milioni di uiguri nello Xinjiang, e almeno il dieci per cento di loro, forse molto di più, sono stati accampati. Nessuna “contromisura” di questo tipo al terrorismo è stata adottata in nessun paese occidentale.

O’Brien vede le azioni dello Xinjiang come parte del più profondo cambiamento della Cina nella politica delle minoranze etniche Xi Jinpingin per il periodo che inizia nel 2012.

“C’è un’idea crescente che tutti gli uiguri siano una potenziale minaccia alla sicurezza. Questo è un cambiamento fondamentale nel pensiero. “

In precedenza in Cina la posizione di numerose minoranze etniche era, in linea di principio, anche se non sempre così nella pratica, assicurata. Ad esempio, sono stati insegnati nella loro lingua e hanno fatto più figli del cinese Han. Gli uiguri sono per lo più musulmani. La loro lingua appartiene al turco e la cultura è dell’Asia centrale.

Un anno fa la polizia di Hong Kong ha arrestato un manifestante a sostegno della causa uigura. Foto: Lucy Nicholson / Reuters

Numerose minoranze in Cina insieme rappresentano meno del dieci per cento della popolazione. I cinesi Han sono la netta maggioranza.

Negli ultimi 5-6 anni, la linea della Cina si è trasformata in pratica verso l’assimilazione, cioè la fusione delle culture etniche nella cultura della maggioranza della popolazione, dice O’Brien. Ciò è stato fortemente influenzato da alcuni studiosi cinesi che hanno visto la coesistenza di gruppi etnici come una soluzione fallita.

Nel nuovo modo di pensare, invece dell’identità etnica, tutti i cittadini dovrebbero sostenere la nuova storia dell’ascesa della Cina. Quella storia è Han-cinese e le identità etniche non si adattano al suo nazionalismo.

Con il crescente autoritarismo in Cina, c’è sempre meno spazio per la protesta e il pensiero diverso da chi è al potere, e le minoranze etniche sono sospettosamente poco diverse, spiega O’Brien.

La differenza Etnica spaventa il Partito Comunista, o almeno la differenza è da mostrare come un fattore spaventoso.

“Parte del potere di Xi Jinping si basa sul fatto che le minacce sono notevolmente esagerate. Il partito giustifica il suo potere controllando queste minacce e mantenendo le persone al sicuro. “

Questo può essere visto ovunque in Cina, ad esempio, come telecamere di sorveglianza ad ogni angolo di strada.

Immagine satellitare del campo di concentramento di Hotan, Xinjiang, del 2018. Ci sono stati campi almeno dal 2017, forse prima. Immagine: Maxar Technologies

 

Secondo le notizie dallo Xinjiang, gli uiguri stanno ora cercando di sbarazzarsi della propria lingua, pratica religiosa e identità uigura.

“C’è il desiderio di assimilare completamente l’identità uigura all’identità cinese. Tutti nel paese parlano la stessa lingua e leggono gli stessi libri e tutti la pensano allo stesso modo “, dice O’Brien.

“Questo è l’obiettivo finale di tutto, credo. Non è solo detto ad alta voce, è anche contro la Costituzione. “

Secondo i rapporti dai campi dello Xinjiang, gli uiguri devono negare la loro fede lì, parlare cinese e studiare le idee di Xi Jinping. Anche nella vita di tutti i giorni fuori dai campi e nella vita dei bambini, la religione è vietata e l’insegnamento del cinese è costante.

Anche la cultura e la lingua tradizionali sono state sradicate dal Tibet e quest’anno le restrizioni sull’insegnamento scolastico in mongolo nella Mongolia interna hanno causato manifestazioni e scioperi scolastici.

Screenshot di un video ricevuto dalla BBC questa estate. La modella uigura Merdan Ghappar, catturata nel video, sembra ritrarre segretamente la sua cella del campo.

 

“Lo Xinjiang è anche un laboratorio su come creare efficacemente uno stato di polizia così pesante”.

Ciò può interessare l’intera Cina, compresi i cinesi Han.

È del tutto possibile che la leadership cinese crederà seriamente che la coercizione e l’educazione coercitiva cambieranno il pensiero delle persone nella giusta direzione. la Cina si è spesso servita di questa pratica nel corso della storia.

Funziona?

“No”, dice O’Brien.

Da irlandese, ricorda cosa accadde in Irlanda del Nord quando la Gran Bretagna raccolse in prigione giovani uomini che si opponevano al suo potere.

“È nata una generazione di rabbia. Credo che il governo cinese stia creando generazioni di odio nello Xinjiang. “

O’Brien ha vissuto a lungo nello Xinjiang nel 21 ° secolo e, secondo la sua esperienza, la maggioranza degli uiguri era molto moderata nel governo centrale. Con l’azione cinese, le menti sono diventate più anti-cinesi.

Dimostrazione degli uiguri residenti in Finlandia contro le azioni cinesi in Piazza del Senato nel 2018.Foto: Anna Matilda Valli / HS

La Cina ha ricordato che negli ultimi anni, durante la nuova politica più restrittiva, non ci sono stati attacchi terroristici nello Xinjiang.

“Ma che ne sarà di un paio d’anni? O tra cinque anni? Se ci saranno attacchi? Queste nuove misure verranno quindi interrotte o verranno applicate ancora più duramente? “

Comunque, il futuro preoccuperà O’Brien. La Cina sta ora paragonando pubblicamente gli uiguri a malati di mente che hanno bisogno di essere curati, e sta parlando di persone che hanno bisogno di essere isolate. In esso, O’Brien vede echi dei primi giorni della propaganda ebraica nazista negli anni ’30.

“Cosa succederà nello Xinjiang tra cinque anni? Come si sta evolvendo? “

L’HS ha raccolto i risultati dell’oppressione cinese degli uiguri

Un milione di persone in campeggio e lavoro forzato

Almeno più di un milione di uiguri sono stati accampati contro la loro volontà, secondo diversi ricercatori e organizzazioni che hanno indagato sulla questione. La più recente e significativa è la dichiarazione dell’Australian Strategic Policy Institute (Aspi), che ha trovato quasi 400 campi costruiti o ampliati nello Xinjiang nel 2017 o successivamente.

Gran parte di questi campi sono, ad esempio, edifici scolastici recintati e probabilmente utilizzati, secondo il lavoro forzato Asp considerato come dormitori degli uiguri. Il lavoro si svolge nelle fabbriche vicine, dove gli uiguri possono essere pagati, anche se male. Aspin un altro rapporto Secondo una stima moderata, anche 80.000 uiguri sono stati inviati ai lavori forzati in tutta la Cina nel 2017-2019.

Alcuni dei campi dello Xinjiang, secondo Asp, sono “campi di riqualificazione” progettati per addestrare coloro che sono ammessi a nuove idee e poi rilasciarle. Alcuni dei campi sono chiaramente prigioni in apparenza.

Potresti finire nei campi, ad esempio, per chiamare all’estero, indossare un velo o tenere un passaporto.

Le accuse fatte dai media occidentali sugli eventi dei campi sono diverse: richieste di proibizione della religione, insegnamento del cinese e apprendimento delle idee di Xi Jinping, ma anche tortura, stupro e fame.

Quando la Cina ha finalmente riconosciuto l’esistenza dei campi, ha annunciato che erano centri di formazione professionale.

Un anno fa, all’interno dell’amministrazione cinese ai documenti del New York Times secondo gli uiguri il campeggio sembra ben pianificato.

The Economist secondo i dati raccolti, i figli dei genitori che sono andati nei campi sono spesso collocati in orfanotrofi. Andare nei campi è minacciato e ricattato, ad esempio, le donne possono impedire ai loro parenti di arrivarci accettando di sposare un cinese Han.

Sterilizzazione di massa e aborto forzato

Il controllo delle nascite degli uiguri e di altre minoranze nello Xinjiang è più brutale ai tempi della politica del figlio unico (1980-2015). Le donne sono costrette alla sterilizzazione e all’uso della contraccezione.

Questo è ciò che un noto ricercatore dello Xinjiang della Victims of Communism Memorial Foundation in Germania afferma che Adrian Zenz ha pubblicato in estate nel suo rapporto. Rivela documenti cinesi che istruiscono le autorità a limitare il tasso di natalità con mano dura. La crescita della popolazione nelle regioni uiguri è diminuita significativamente negli ultimi cinque anni.

I media ufficiali cinesi accusano Zenz di essere anti-cinese come bugiardo.

I media occidentali hanno intervistato singole vittime di lavori forzati fuggiti all’estero e almeno un medico specializzato in aborti forzati e sterilizzazione. I loro detti sono difficili da verificare, ma le informazioni sono parallele.

Le spie tornano a vivere a casa

Nello Xinjiang, tutto è attentamente monitorato: messaggi, telefonate e pendolari. Ci sono posti di blocco ad ogni angolo. Human Rights Watch Secondo gli uiguri di età compresa tra 12 e 65 anni, sono stati scansionati campioni di DNA, impronte digitali, gruppi sanguigni e le loro iridi.

Traduzione di Giuseppe Manes, Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: Pledge Times,06/11/2020

Articolo in inglese:

China | Torture, forced sterilization and deprivation of children from family home evening: Chinese atrocities create a generation of hatred in Xinjiang, expert predicts 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.