CINA: Tortura di donne

Nella persecuzione in Cina, lungi dall’essere al riparo dalla violenza le donne  che sono spesso scelte per ancora maggiore brutalità degli uomini.

Dei 3.294 casi confermati di morte, oltre la metà (53,4%) sono donne. Le donne sono regolarmente picchiate, colpite con bastoni elettrici, e sottoposte ad altri tipi estremi di tortura fisica, proprio come gli uomini, ma in aggiunta a ciò, sono anche spesso violentate dalle guardie del campo di lavoro e di polizia. Contro questi brutali e orrendi crimini, le donne hanno poca protezione, perché non c’è nessuna legge o giustizia nel sistema penale della Cina per coloro che sono considerati nemici del partito comunista cinese

Spazzolare la vagina:

Questa tortura è estremamente brutale ed è ampiamente utilizzata.

La Signora Yang Xiulian (Falun Dafa) è stata sottopostoa a questa tortura nel 2002, mentre era detenuta nel centro di detenzione Hantai in Hanzhong City, nella provincia dello Shanxi. Ma Pingan, capo della sicurezza del distretto di polizia Hantai, e funzionario incitava i detenuti alla tortura, . L’hanno costretta a stare in piedi contro un muro in una posizione di spread eagle, mentre quattro detenuti tenevano bloccati i suoi quattro arti. Due altri detenuti inserivano uno spazzolino da denti nella sua vagina e con forza lo agitavano…fino a quando il sangue non usciva copiosamente.

Fonte Minghui.org

Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION , ma per favore citare la fonte.

You may freely print and circulate all articles published on the LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please mention the source.

English version:
http://en.minghui.org/cc/55/

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.