Cina-Sichuan: Arrestato sette volte, muore in prigione

Il 57enne Fang Zhengping della provincia di Xichang è morto in prigione nel mese di luglio del 2013, è stato arrestato 7 volte per la sua pratica del Falun Gong, soggetto due volte ai lavori forzati, e condannato a sette anni di prigione dopo che il regime comunista ha lanciato la persecuzione nel Luglio del 1999.

Persecuzione subita: lavoro forzato, lavaggio del cervello, condanna illegale, percosse, prigionia, casa saccheggiata, interrogatorio, detenzione.

(Nella foto una cella in una prigione cinese – Laogai -)

La guardia del complesso familiare riportò alla comunità del vicinato di Changningban che una dozzina di praticanti aveva visitato la casa del signor Fang il 24 Aprile del 2000. Gli ufficiali della stazione di polizia di Changan hanno arrestato il signor Fang il giorno seguente.

Gli ufficiali della divisione di sicurezza domestica lo imprigionarono nel centro di detenzione di Xichang. Le guardie lo picchiarono , e rimase gravemente ferito. Gli ci volle più di un mese di ricovero dopo il suo rilascio. Il centro di detenzione gli addebitò anche i pasti.

Gli ufficiali della comunità del vicinato di Changningban lo hanno trattenuto nella stazione di polizia di Changan il 18 Febrraio ,2001. Gli ufficiali della stazione di polizia lo hanno portato al centro per il lavaggio del cervello di Mapingba , dove è rimasto per cinque mesi.

Gli ufficiali della divisione di sicurezza interna lo hanno ammanettato, lo lanciavano per aria , e lo lasciavano cadere a terra, dove è stato lasciato sotto il sole cocente per ore. Fu finalmente rilasciato quando sua moglie firmò la garanzia di “aiutarlo e educarlo”. Fu costretto a pagare 1000 yuan al centro di lavaggio del cervello per le spese di mantenimento.

Nella città di Xining il 13 Ottobre 2001, il signor Fang fu segnalato per aver detto ad un apicoltore della persecuzione. La polizia lo arrestò, perquisirono la sua casa, e lo imprigionarono presso il centro di riabilitazione per la droga, Mapingba, per un mese.

Il signor Fang si rifiutò di smettere di praticare. La guardia Zhou scrisse una proroga di 20 giorni su un mandato in bianco – il processo legislativo fu eseguito. Fu finalmente rilasciato dopo che sua moglie fu costretta a firmare una dichiarazione promettendo di “aiutarlo e educarlo” a rinunciare alla sua pratica.

Gli agenti della stazione di polizia della città di Xining arrestarono il signor Fang nel bel mezzo della notte il 27 Agosto del 2003, mentre era per strada a distribuire volantini sulla persecuzione. Lo picchiarono, e uno di loro prese di mira il suo petto. Dopo averlo picchiato a terra, lo legarono a un palo della luce e continuarono.

Gli agenti della Divisione di Sicurezza Interna di Xinchang successivamente portarono con loro il signor Fang e saccheggiarono la sua casa. Dopo averlo interrogato sottoponendolo a torture, lo portarono al centro di detenzione di Liangshan. Tuttavia, il centro di detenzione non lo ammise perché era in pessime condizioni. Infine è stato imprigionato nel centro di detenzione di Xichang e rilasciato il 27 Settembre. Alcune delle sue ferite non erano ancora guarite anche dopo due mesi.

Gli agenti della Divisione di Sicurezza Interna di Xichang sequestrarono illegalmente la sua bici. Il signor Fang andò a chiedere indietro la sua bici il 13 Gennaio 2004. Gli ufficiali Wang, Luo, e altri due lo ammanettarono e lo tennero nel centro di riabilitazione per droga di Tuohuang.

Le manette erano allacciate così strette da causargli un dolore tremendo da non riuscire a parlare. L’8 aprile è stato incarcerato presso il campo di lavoro forzato di Xinhua a Mianyang per un anno.

Il 29 Agosto 2006 il signor Fang fu nuovamente arrestato per aver spiegato alle persone della persecuzione e fu successivamente sottoposto a 20 mesi di lavori forzati. Fu imprigionato a Xichang Mapingba, centro di riabilitazione per droga. Le guardie lo picchiarono e non gli diedero abbastanza cibo. La sua famiglia gli inviava soldi, ma lui non li riceveva. Non gli era neanche permesso di lavarsi i vestiti.

Il signor Fang andò nella sua città natale per rinnovare il suo documento di residenza e fu arrestato per aver raccontato della persecuzione alla gente dalla divisione di sicurezza interna della contea di Suijiang il 14 Ottobre, 2007. La corte della contea di Suijiang lo condannò a sette anni di prigione il 13 Dicembre. È stato incarcerato nella prigione No. 1 di Yunnan , è stato nella prigione di Qujing per un giorno prima di essere portato alla prigione No. 1.

Le guardie nella prigione di Qujing lo picchiarono. Era a malapena in grado di muoversi di nuovo dopo un mese e mezzo. Questo era il suo settimo arresto e la sua settima detenzione. Questa volta non è sopravvissuto.

Prima di morire in carcere, il signor Fang era stato imprigionato dai 106 ai 165 mesi a partire dal Luglio 1999.

La signora Cheng, sua moglie, è stata condannata a dieci anni di prigione il 14 settembre 2010 ed è stata incarcerata nella prigione femminile di Yangmahe a Jianyang, provincia di Sichuan.

Clearharmony, 18 Ottobre 2013

English Version:

http://en.minghui.org/html/articles/2013/9/13/141972.html

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.