Cina: si immola 12esimo monaco tibetano

Un altro monaco tibetano si e’ dato fuoco per protestare contro l’occupazione cinese del Tibet. E’ la 12esima immolazione da parte di religiosi tibetani dall’inizio dell’anno. Tenzin Phuntsog, che aveva 46 anni ed aveva effettivamente lasciato il monastero di Khamar, si e’ dato fuoco nella cittadina dell’area di Chamdo, nella regione autonoma cinese del Tibet. La notizia e’ stata data dalla Campagna internazionale per il Tibet, che ha sede a Londra, e dalla Radio Free Asia, che ha sede negli Stati Uniti. E’ la prima volta che viene riportata la notizia di un’immolazione nella regione del Tibet, dal momento che le altre 11 si sono verificate nella confinante provincia di Sichuan. Il governo cinese ha accusato i leader tibetani in esilio di incoraggiare queste forme di protesta. Mentre il dipartimento di Stato Usa ha espresso preoccupazione, sottolineado che queste immolazioni “chiaramente esprimono la rabbia e la frustrazione per il modo in cui in Cina vengono tutelati i diritti umani e la liberta’ di espressione dei tibetani”.

Fonte: Libero Quotidiano, 2 dicembre 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.