CINA-Shandong: Donna di 52 anni muore (06/09/2013) per sospetto avvelenamento nel carcere di Jinan

Persecuzioni subite: lavoro forzato, condanna illegale, iniezioni forzate e somministrazione di farmaci, prigionia, interrogatori, detenzione.

Di un corrispondente Minghui della provincia di Shandong, Cina

(Minghui.org) La signora Xu Decun, 52 anni, era una praticante del Falun Gong della città di Zaozhuang, provincia dello Shandong. Era stata arrestata illegalmente  il 2 maggio 2010 e condannata a due anni di carcere. Dopo il suo rilascio nel 2012, si sentiva sempre debole e dopo il capodanno del 2013, non era più in grado di mangiare niente; si crede che lei sia stata avvelenata in carcere. Il 1° settembre 2013, è stata ricoverata all’ospedale della città di Zaozhuang, ed è morta il 6 settembre.

Sintesi delle principali informazioni sulla persecuzione:

La signora Xu era stata arrestata a casa il 27 aprile del 2002 dagli agenti del locale Ufficio 610  e dagli agenti della stazione di polizia, poi è stata portata alla stazione di polizia di Jiefang Road. È scappata dalla stazione di polizia, la mattina successiva e ha dovuto lasciare la casa per evitare ulteriori persecuzioni; suo figlio che all’epoca aveva 14 anni è rimasto solo, ma lei ha dovuto vivere lontano da casa per otto anni.

Il marito e il figlio della signora Xu sono stati spesso minacciati e tenuti sotto controllo per lungo tempo dalla polizia in borghese. A causa delle persecuzioni, suo figlio non riusciva più a concentrarsi sul lavoro scolastico e non ha avuto più il coraggio di andare a scuola, ha perso anche l’opportunità di andare al liceo e all’università, ed è stato molto danneggiato. Le autorità gli hanno tagliato l’elettricità della loro casa, per nove anni. Il marito della signora Xu, ha dovuto usare un accumulatore di corrente per illuminare la casa e per ricaricarlo doveva andare a casa di un suo parente.

Il personale dell’Ufficio 610 ha tentato di scoprire dove si trovava la signora Xu, dal marito e dai loro parenti e amici, utilizzando mezzi ingannevoli. Anche il vicino di casa della signora Xu è stato tenuto sotto controllo, inoltre hanno fatto anche pressioni sul datore di lavoro della signora Xu, per confiscare il suo stipendio. Lo stipendio della signora Xu è stato sospeso per 10 anni causando grandi difficoltà finanziarie per lei e per la sua famiglia.

La signora Xu, tornò a casa il 31 aprile 2010, per prendersi cura di suo figlio e sua suocera.

Il 2 maggio per arrestare la sig.ra Xu, la polizia ha sequestrato suo figlio, lo hanno picchiato e lo hanno costretto a tornare a casa ad aprire la porta per loro; sua madre era in casa ed è stata arrestata.

La signora Xu, è stata interrogata numerose volte sotto tortura mentre era in custodia della polizia, è stata tenuta nel centro di detenzione di Yuelou per più di un mese e poi è statta condannata a due anni di carcere. È stata reclusa nella prigione femminile di Jinan.

La signora Xu si sentiva sempre debole dopo il suo rilascio nel 2012 e si crede che sia stata avvelenata mentre era in prigione.
La signora Xu è stata ricoverata all’ospedale della città di Zaozhuang il 1° settembre 2013, ed è morta il 6 settembre.

ClearHarmony,05/11/2013

English Version:
http://en.minghui.org/html/articles/2013/10/8/142582.html

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.