In Cina scoperta una “fabbrica” di neonati

Così “producevano” i bambini da vendere al mercato nero internazionale. Arriva dalla Cina la notizia del ritrovamento di una vera e propria fabbrica di bambini.

Come riportato dal sito del Daily Mail, la “produzione” illegale di bambini è stata smantellata. Il destino di tutti i minori era quello di essere venduti al mercato nero internazionale di neonati. Molte delle mamme che mettevano al mondo bambini erano malate di Aids e in molti casi hanno trasmesso il virus ai neonati innocenti.

Nella foto uno dei 37 neonati che si trovavano all’interno della “fabbrica dei bambini” in Shandong, Cina orientale

Nel zona sud della Cina sono stati trovati 37 bambini costretti a vivere tutti in una casa in pessime condizioni igienico-sanitarie e malnutriti.

Sono oltre cento i trafficanti di bambini individuati ed arrestati dalle forze dell’ordine cinesi. La banda offriva denaro alle donne per restare incinta e partorire. Una volta venuti al mondo i neonati venivano per poi lasciati nelle mani dei malviventi che provvedevano a venderli in tutto il mondo.

Molti dei bambini appena nati venivano spesso nutriti con cibo non adeguato, come spaghetti da asporto e avanzi.

Il Giornale.it,14/01/2015

English version,Daily Mail: Inside the horrific Chinese ‘baby factories’….. 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.