CINA: Professore di legge presenta una devota difesa del costituzionalismo

Gu Qinger,Epoch Times,13.01.2015

«Il punto di vista anticostituzionale è ridicolo, dal momento che la sua essenza è contro l’umanità». Così ha scritto Zhang Qianfan, schietto professore di diritto costituzionale dell’Università di giurisprudenza di Pechino, in risposta ai numerosi articoli anti-costituzionalismo pubblicati dai media statali cinesi.

Il suo editoriale dal titolo ‘Perché l’Anti-costituzionalismo non ha futuro?’ è stato pubblicato il 5 gennaio nell’edizione cinese del Financial Times.

Dal maggio 2013 i media del Partito Comunista cinese hanno iniziato a pubblicare degli articoli che attaccano seriamente il costituzionalismo.

Sebbene molti studiosi cinesi abbiano criticato tali resoconti – ad esempio quello del Red Flag Manuscript in cui si afferma che il costituzionalismo appartiene al capitalismo ma non al socialismo – i media portavoce del Partito continuano a pubblicarli.
Zhang ha menzionato che solo nel mese scorso il Quotidiano del Popolo, il Global Times e il Red Flag Manuscript, una rivista ideologica, hanno pubblicato in totale quattro resoconti che criticano il costituzionalismo.

Zhang ha suggerito che quelle persone che sono contro il costituzionalismo probabilmente credono di essere protette. Tuttavia ha indicato che senza il costituzionalismo, perfino i funzionari con interessi acquisiti all’interno del Partito non hanno alcuna protezione per le loro libertà fondamentali. Zhang ha scritto: «Anche loro stessi sarebbero vittime del sistema.

Solo con il costituzionalismo si può superare la mancanza di diritti umani».

Zhang ha supposto che l’anticostituzionalismo ha portato anche alla soppressione della libertà di credo e a quella di espressione, e che tra l’altro, a causa del deterioramento morale complessivo nel Paese, ha contribuito all’inquinamento ambientale e alla sicurezza alimentare. «La repressione della libertà religiosa è una ragione importante per quello che ha causato tale minaccia… i problemi della nostra aria e dell’acqua e della sicurezza alimentare sono principalmente dovuti al comportamento senza scrupoli e irresponsabile delle persone».

La propaganda del regime cinese è anche penetrata nel sistema di istruzione del Paese, «mascherando la storia e distorcendo le nozioni per fare il lavaggio del cervello alle persone», ha detto Zhang.

Secondo Zhang, mentre il costituzionalismo protegge i diritti del popolo, al contrario l’anticostituzionalismo mantiene uno stato totalitario, alimentando gli interessi acquisiti dei membri del Partito.

Zhang ha sottolineato che molti studiosi cinesi non hanno il coraggio di criticare il sistema a causa della mancanza della libertà di parola. «Sono sia spaventati dall’autocrazia al punto di non dire la verità, che allettati a mentire dai benefici prospettati loro… Hanno un ristretto senso di vergogna», ha affermato Zhang.

Negli ultimi anni, il numero dei cinesi che migrano verso altri Paesi è cresciuto rapidamente, tra questi sono inclusi molti funzionari comunisti corrotti e ricchi cinesi. «Senza il costituzionalismo, noi [cinesi, ndt] abbiamo sono solo due scelte: scappare o rimanere a soffrire», ha detto Zhang.

Fonte,EpochTimes,http://www.epochtimes.it/news/professore-cinese-di-legge-presenta-una-devota-difesa-del-costituzionalismo—127821

Articolo in inglese: Chinese Law Professor Offers Staunch Defense of Constitutionalism

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.