Cina: primo matrimonio gay e infuria la polemica

Primo matrimonio tra omosessuali in Cina. È stato celebrato a Pechino e sta suscitando non poche polemiche. A riferirlo è il China Daily. La cerimonia – che si è svolta in un ristorante della capitale cinese, alla presenza di una cinquantina di amici della coppia – non ha valore legale dato che la Cina non riconosce in alcun modo le unioni fra persone dello stesso sesso. I neo-sposi hanno anche ricevuto un certificato di matrimonio, dal valore puramente simbolico, rilasciato da una organizzazione di volontariato che si occupa di lotta e prevenzione dell’AIDS. «Noi vogliamo solo vivere insieme come una coppia normale e stabile – ha detto Xiao Qiang, uno dei due sposi – Non ci interessa se il matrimonio è valido o no. La mentalità della gente per fortuna ora è più aperta che in passato, ecco perché abbiamo trovato il coraggio di rendere la cosa pubblica». L’uomo ha aggiunto che favorire le relazioni stabili nel mondo omosessuale è importante per combattere l’AIDS. «Consentire i matrimoni omosessuali – ha detto – significa anche evitare troppo frequenti e rischiosi cambi di partner». La notizia del matrimonio omosessuale non è stata favorevolmente accolta dalla maggior parte della gente in Cina. Numerosi messaggi sui giornali e su internet chiedono alle autorità di intervenire contro i due e contro l’associazione. Secondo dati resi noti dalla Commissione per la salute cinese, il 60% delle persone colpite da AIDS nel paese sono uomini che hanno contratto questa malattia attraverso relazioni omosessuali.

Fonte: Leggo esteri, 25 gennaio 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.