CINA – Polizia: Uighuri sospettati per l’incidente di Tiananmen di Wang Zhicheng

Si ricercano due uomini dello Xinjiang e quattro auto con la targa della regione. Forse è un attacco terrorista suicida. Intellettuale Uiguro chiede più cautela.  Fonti di AsiaNews: Non solo gli Uighuri, ma tutta la popolazione cinese è stanca e insoddisfatta della leadership. Forte censura sull’informazione.

Pechino (AsiaNews) – La polizia d Pechino sospetta che l’incidente di ieri – in cui un’auto ha investito alcuni turisti in piazza Tiananmen ed è poi scoppiata uccidendo tutti i passeggeri – s ia stato compiuto da terroristi Uighuri suicidi. Il fatto è avvenuto quasi sotto il grande ritratto di Mao Zedong che domina la facciata del Palazzo imperiale, a poche decine di metri da Zhongnanhai, residenza di molti leader.

L’incidente è avvenuto ieri a mezzogiorno e oltre ai tre dell’auto (un Suv), ha ucciso altre due persone, un cinese e un filippino, facendo anche 38 feriti. La polizia e i pompieri hanno isolato la zona e nascosta agli occhi del pubblico.

Oggi l’edizione in inglese del Global Times, legato al Quotidiano del popolo, afferma che la polizia ha messo in relazione l’incidente con lo Xinjiang e alcuni sospetti uighuri. Ma l’edizione in cinese non menziona per nulla lo Xinjiang.

Ieri, per tutto il giorno la censura ha cancellato dal web ogni notizia o commento riguardo l’incidente, permettendo solo la versione ufficiale della Xinhua.

Ieri sera e oggi la polizia ha diramato ricerche per raccogliere informazioni su due uomini uighuri e su quattro auto con la targa dello Xinjiang. Ilham Tohti, un intellettuale uighuro, scrivendo sul sito web Uighurbiz.net, ha chiesto di andare cauti perché è facile colpevolizzare gli Uighuri e accrescere il controllo sulla minoranza etnica.


La regione occidentale dello Xinjiang è da decenni scossa da movimenti nazionalisti Uighuri islamici. Per lo più essi cercano una maggiore autonomia dalla dittatura culturale, commerciale e politica del governo centrale che ha colonizzato la regione con milioni di emigranti han e centinaia di migliaia di soldati.

La colonizzazione coinvolge anche la religione: l’islam uiguro è fortemente controllato nelle scuole, nelle moschee, nella società.
In passato ci sono stati incidenti e scontri fra uiguri e han nello Xinjiang, come pure attentati che il governo di Pechino ha bollato come “terroristi”, anche se spesso condotti con mezzi di fortuna (bombe molotov, coltelli di plastica, ecc…).

L’edizione cinese del Global Times di oggi mette in guardia dal “politicizzare” troppo l’incidente avvenuto a Tiananmen. La piazza Tiananmen, dove è avvenuto il famoso massacro il 4 giugno 1989, è sottoposta a un pesante cordone di sicurezza per evitare anche la più piccola manifestazione di protesta.

In Cina la grande corruzione in cui sono immersi i membri del Partito ha portato ad oltre 180mila “incidenti di massa” all’anno, in cui gruppi diversi – contadini, operai, pensionati, ex militari,… – si sono scontrati con la polizia, spesso anche in modo violento.

Una fonte di AsiaNews a Pechino ha commentato: “Il Partito cerca di annacquare questo incidente, ma esso rivela ormai la profonda insoddisfazione e stanchezza di tutta la popolazione, non solo degli uiguri”.

AsiaNews,29/10/2013

English Version:
http://www.asianews.it/news-en/Police:-Uyghur-suspects-behind-Tiananmen-accident-29399.html

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.