Cina, Persecuzione religiosa: torturato a morte e la sua famiglia tormentata

Il sig. Jiang Xiqing, un praticante di 66 anni di Chongqing, è stato torturato a morte nel campo di lavoro forzato di Xishanping e la sua famiglia stata tormentata continuamente. La polizia di Sicurezza di Stato del distretto di Jiangjin sta controllando costantemente la sua famiglia. La polizia ha detto che non avrebbe permesso a nessun praticante del Falun Gong di contattare la propria famiglia. Hanno cercato di nascondere le prove dei loro crimini e di continuare a perseguitare questa famiglia. La moglie del sig. Jiang, Luo Zehui è stata condannata ad otto anni di prigione e sta subendo la persecuzione nel centro di detenzione. La sua vita è attualmente in pericolo.

La famiglia del sig. Jiang ha chiesto ai dipartimenti relativi di investigare sulla responsabilità del campo di lavoro della morte del sig. Jiang e di punire gli assassini. Gli ufficiali del campo di lavoro di Xishanping hanno colluso con la polizia locale per tormentare e minacciare la famiglia del sig. Jiang, sperando di fermare i suoi sforzi per avere giustizia. Una volta non trovando la figlia del signor Jiang, Jiang Hong, venti poliziotti sono andati a cercarla fuori zona. Più tardi la polizia ha minacciato suo figlio Jiang Hongbin e ha invitato il capo della sua unità di lavoro a fare ulteriori pressioni, costringendo la famiglia a smettere di investigare sull’omicidio.

Mu Chaoheng ha condotto Jiang Qi, Long Yongli ed altri venti poliziotti della Squadra di Sicurezza di Stato di Jiangjin a cercare la casa della seconda figlia del sig. Jiang, Jiang Ping. Non hanno mostrato alcun documento e hanno cominciato a saccheggiare la casa. Mu Chaohen ha preso la sua borsa e il cellulare.

La polizia ha provato ripetutamente a coprire i loro crimini, particolarmente dopo che la famiglia è andata a vedere il corpo del sig. Jiang dopo la sua morte; era evidente che era stato ucciso dalla persecuzione da parte della polizia.

Il sig. Jiang era un impiegato in pensione del reparto di imposta di Jiangjin. Dopo che ha cominciato a praticare il Falun Gong, lavorava duramente, era disponibile ad aiutare gli altri e ha riguadagnato la salute. Diversi giorni prima dei Giochi Olimpici 2008 di Pechino, è stato arrestato e portato alla settima divisione del campo di lavoro forzato di Xishanping.

Il 27 gennaio 2009, la famiglia del sig. Jiang gli ha fatto visita; era ancora in buona salute. Tuttavia, in meno di 24 ore, il 28 gennaio 2009, la sua famiglia ha ricevuto una telefonata dal campo di lavoro forzato che informava del decesso del signor Jiang. Meno di sette ore dalla telefonata ricevuto dal campo di lavoro che annunciava la sua morte, i figli hanno trovato che il petto, l’addome, le gambe erano ancora caldi al tatto. Credendo che fosse ancora vivo, i famigliari hanno provato a rianimarlo, ma sono stati trascinati fuori dalla sala funeraria da una dozzina di poliziotti.

Il campo di lavoro forzato di Xishanping ha perseguitato a morte molti praticanti ed hanno aumentato il loro sforzo di controllo sui praticanti del Falun Gong nel campo di lavoro forzato.

fonte: DossierTibet, 27 aprile 2009

Un precedente caso di persecuzione Falun Gong in Cina

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.