CINA – Pechino: Paura di una “primavera egiziana”. Nuovi arresti di attivisti

Parlare a cena di democrazia e stato di diritto è divenuto un crimine. Fra gli oltre 50 attivisti detenuti vi sono Li Huaping e Liu Jincai. La Russia degli anni ’90 e l’Egitto di oggi esempi cattivi da non seguire.

Pechino (AsiaNews/Chrd) – Sostenere la democrazia, la costituzione e lo stato di diritto è un crimine. L’arresto di attivisti e dissidenti che chiedono giustizia sociale è l’unico modo di salvare la Cina da una fine simile a quella dell’Egitto.

Negli ultimi tre mesi il governo ha arrestato oltre 50 individui rei di aver organizzato incontri e cene dove si discuteva di riforme e rispetto della costituzione cinese. AsiaNews ha già dato notizia della detenzione di Yang Lin, firmatario di Carta 08. Nei giorni scorsi sono stati arrestati altri due importanti attivisti.

Il primo è Li Huaping, dell’Hunan, che scrive post sotto il nome di “legno di Norvegia”. È stato arrestato il 10 agosto scorso a Changsha per aver “radunato una folla e minare l’ordine pubblico”. Li ha iniziato un “progetto di osservazione” per sostenere chi viene detenuto a causa della sua lotta per i diritti umani. Li ha scritto online su democrazia, libertà ed è coinvolto nel movimento dei “Nuovi cittadini” che negli anni scorsi hanno chiesto democrazia, riforme legislative, rispetto della costituzione e giustizia sociale. Al presente dovrebbe essere rinchiuso in una prigione dell’Anhui.

Un altro attivista, Liu Jiacai, dell’Hubei, è stato incarcerato il 12 agosto per “incitamento alla sovversione”. Liu aveva radunato alcuni attivisti di Yuchang per alcune “cene” in cui discutere di diritti e di giustizia. Egli è già stato arrestato varie volte per lo stesso “crimine”. Nel 2012 è stato licenziato da un impiego nello Yunnan a causa del suo attivismo ed era ritornato nell’Hubei. È recluso nella prigione n. 1 di Yichang, da dove era uscito solo pochi giorni prima per una condanna a 10 giorni.

Oltre agli arresti, la Cina tenta anche un lavaggio del cervello dell’opinione pubblica, mettendo in guardia dai pericoli di una “democrazia di stile occidentale”, mostrando i suoi frutti malsani prodotti in Egitto.

“L’occidente – afferma il Global Times, il magazine del Quotidiano del popolo – è un insegnante irresponsabile, ma la società egiziana dovrebbe avere i suoi propri giudizi e la capacità politica di risolvere da sé il duro conflitto di interessi interni alla nazione. Purtroppo non ha nulla di tutto ciò. Esso è ingenuo e irritato come un bambino”.

Un sito web ufficiale, il Social Outlook, ha un giudizio ancora più duro: “La primavera araba in Egitto si è cambiata subito in una farsa assurda e in una tragedia senza precedenti e ciò è davvero storicamente inevitabile… La dolorosa lezione dell’Egitto ha un grande valore per la Cina. Esso ci rende coscienti una volta di più del prezzo [che si paga] ad andare fuori strada. Negli anni ’90 la Russia ha pagato un alto prezzo e ha indicato alla Cina la direzione da prendere; la primavera araba nel Medio oriente capita al momento giusto per quei cinesi del XXI secolo così dimentichi”.

di Wang Zhicheng AsiaNews, 16 Agosto 2013

English Article:
http://www.asianews.it/news-en/Beijing:-Fear-of-an-Egyptian-Spring-leads-to-fresh-arrests-of-activists-28751.html

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.