CINA – Pastore protestante detenuto in gravi condizioni. L’appello della moglie

Era stato arrestato nel 2015, trattenuto senza processo per un anno e poi condannato a due anni e mezzo di prigione. I medici del centro detentivo avevano sottovalutato il problema, permettendo l’aggravamento della porpora anafilattoide.

Guiyang (AsiaNews/China Aid) – Yang Hua, pastore detenuto nella provincia a Goizhou, nel sud della Cina, è stato ricoverato il 24 marzo in gravi condizioni. La moglie Wang Hongwu, che non vedeva il marito da più di un anno, ha scritto una lettera di appello alla preghiera per la sua salute.

A quanto riportato, Hua era stato visitato in ospedale il 20 marzo, dopo tre giorni di sofferenza e privazione di sonno causate da alcune ulcere infiammate sulle gambe. Secondo i dottori del centro di detenzione, si trattava di semplici piaghe da trattare con antidolorifici. La mancanza di una terapia immediata ed efficace ha permesso l’avanzata della malattia.

Il 23 marzo, un procuratore del distretto di Nanming ha informato gli avvocati di Yang delle sue condizioni e suggerito di prendere le misure necessarie per assicurargli un trattamento in un altro ospedale, al fine di limitare ulteriori complicanze.

Yang è stato portato all’ospedale il 24 marzo, dove gli è stata diagnosticata la porpora anafilattoide, una malattia che colpisce i vasi sanguigni in reni, intestino, articolazioni e pelle. Secondo il dottore consultato dalla moglie Wang, ci potrebbero essere diversi effetti collaterali, compresa setticemia, emorragia del tratto digestivo e danni ai reni.

I suoi avvocati si sono rivolti alla procura locale, richiedendo il rilascio per motivi di salute. Secondo quanto riferito da China Change, la scelta spetterà al giudice incaricato al caso.

Yang, anche conosciuto con il nome di Li Guozhi, era stato arrestato per essersi opposto alla distruzione di un disco rigido di una comunità. In un primo momento, Yang era stato accusato di “ostruzione alla giustizia” e di aver radunato una folla per disturbare l’ordine pubblico, e sottoposto a due pene detentive di 5 giorni ciascuna. Il giorno del rilascio, tuttavia, l’accusa è mutata in “possesso illegale di segreti di Stato” per poi diventare, il 22 gennaio 2016, “diffusione di segreti di Stato”.

Come risultato, le autorità hanno trattenuto Yang senza processo per più di un anno, torturandolo e minacciando i suoi familiari. Il processo si è tenuto il 26 dicembre scorso, e Yang è stato condannato a 2 anni e mezzo di prigione. La sentenza, secondo il presidente di China Aid Bob Fu, è stata “null’altro che pura barbarica persecuzione religiosa”.

Di seguito, riportiamo la lettera-appello della moglie Wang:

Grazie a Nostro Signore misericordioso, ho potuto incontrare Yang Hua il 24 marzo. Stavo accompagnando l’avvocato che presto l’avrebbe incontrato al centro detentivo, ma l’ho trovato davanti al cancello dell’istituto. Era appena tornato dall’ospedale provinciale. Era la prima volta che ci incontravamo dopo un anno, tre mesi, e quindici giorni. Yang Hua è sceso con lentezza dal veicolo di pattuglia, aiutato da un altro prigioniero. La sua schiena già curva si è piegata ancora di più per colpa del dolore alla gamba. Abbiamo avuto il tempo di scambiare solo poche parole, prima che lo riportassero dentro il centro di detenzione. Dopo aver parlato con Yang Hua (ho dovuto aspettare fuori durante il loro incontro), l’avvocato mi ha informata che Yang Hua sarebbe stato trasferito all’ospedale 368 della polizia armata di Guiyang per essere curato, e che avrei potuto vederlo un’altra volta. Correndo verso di lui, ho sentito un ufficiale urlare “Chi è il parente di Li Guozhi?”. Gli ho risposto, sono salita sul veicolo di pattuglia e sono giunta all’ospedale 368 della polizia armata di Guiyang

Il primario mi ha spiegato le condizioni di Yang Hua, e che l’ospedale provinciale gli aveva diagnosticato la porpora anafilattoide. Ho notato che i suoi arti inferiori erano coperti con punti rossi e necrosi. Le sue tibie avevano grandi macchie di cancrena e versamenti, e i suoi piedi e caviglie erano gonfi. Il dottore mi ha anche detto che Yang Hua avrebbe ricevuto una forte terapia ormonale e cure anti-infiammatorie, perché la malattia era feroce ed era avanzata in soli otto giorni. L’ospedale ha fornito una notifica di condizioni critiche e mi ha detto di essere pronta a una serie di possibili effetti collaterali: setticemia, emorragia del tratto digestivo, e danni ai reni.

Il mio cuore è stato scosso dal sentire tutte ciò, e ho sviluppato più paure e preoccupazioni.

Durante il nostro breve ricongiungimento, Yang Hua mi ha detto: “Non ti preoccupare. Dio sta tirando tutti i fili. Sono in pace. Non ci siamo visti per un anno e tre mesi, ma non sei cambiata affatto”.

Io ho sorriso e gli ho risposto: “Non sei cambiato neanche tu, a parte la tua schiena più curva”.

Ringrazio Dio per aver alleviato i miei dolori e aver messo in pace il mio cuore. Anche se non ho visto Yang Hua per più di un anno (non ci eravamo mai separati per più di due mesi, prima del suo arresto), mentre era di fronte a me sentivo come fosse stato solo il giorno precedente. Nessuna lacrima. Nessun isterismo. Ci siamo guardati l’un l’altro nel profondo di una serenità dominata da Dio. Anche se preoccupata, potevo ancora guardare a Yang Hua con la gioia e la tranquillità del sostegno di Dio.

Quando stavamo per separarci, Yang Hua ha detto: “Non dimenticare di dire ai nostri fratelli e sorelle di pregare per me”.

Gli ho risposto: “È ovvio”.

Lo hanno di nuovo portato via, di fronte ai miei occhi.

Nel mio cuore ho pregato: Signore, lo affido a te. D’ora in avanti, Tu sarai l’unico al suo fianco.

La serva di Dio: Wang Hongwu.

25 marzo.

Asia News,31 marzo 2017

English article, Asia News:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.