Cina: latte per il silenzio

Nella città di Dapu, provincia di Hunan, i funzionari pubblici offrivano gratuitamente il latte ai bambini, nel cui sangue è stato rilevato un contenuto elevato di piombo. In cambio ai genitori si chiedeva soltanto la consegna alle autorità locali degli originali dei test medici che confermavano la presenza della sostanza pericolosa nel sangue.

Gli avvenimenti di Dapu sono diventati di dominio pubblico lo scorso giugno, dopo una trasmissione della TV centrale cinese. I giornalisti hanno raccontato che in centinaia di bambini in età scolare a Dapu è stato rilevato contenuto elevato di piombo nel sangue. Nella cittadina c’è una zona industriale dove funzionano 12 fonderie per la trasformazione di wolframio, rame, piombo e zinco. Si capisce che Dapu non può vantarsi di una buona ecologia. Tuttavia il sindaco della città, reagendo allo scandalo, ha ipotizzato che l’elevato contenuto di piombo nell’organismo dei bambini non fosse legato alla contaminazione industriale bensì al fatto che gli scolari mozzicano spesso matite al grafite.

Tuttavia, in seguito all’inchiesta avviata, una delle aziende per la trasformazione di piombo a Dapu è stata chiusa. A questo punto lo scandalo si è sgonfiato. Tuttavia i parenti di alcuni bambini-vittime hanno raccontato alla stampa della distribuzione gratuita del latte. Esso, secondo le rassicurazioni dei funzionari pubblici, sarebbe in grado di far uscire piombo dal sangue (la scienza non conferma in alcun modo questo fatto). In cambio alle vittime si chiedeva soltanto la consegna alle autorità locali degli originali dei test medici che confermavano il superamento dei livelli consentiti di piombo. Anzi i giornalisti hanno scoperto che la prassi “latte in cambio del silenzio” è stata applicata già per la terza volta a partire dalla fine del 2012 – il periodo in cui la popolazione, preoccupata per le fughe di piombo, ha presentato la petizione alle autorità locali.
L’assorbimento di piombo dal sangue comporta il ritardo nello sviluppo fisico e mentale, risultando in una bassa concentrazione dell’attenzione, ciò che già lamentavano i genitori degli scolari di Dapu, e, nel caso di una concentrazione molto elevata di piombo nel sangue, provoca la morte. Nello stesso tempo l’effetto della sostanza sull’organismo è irreversibile.

Non è solo Dapu a sperimentare simili problemi sul piano dell’ecologia. L’intera provincia di Hunan è ricca di giacimenti di zinco, piombo, mercurio, stibio e wolframio e, nello stesso tempo, la provincia è la più grande base per la coltivazione di riso in Cina. Una volta Greenpeace ha rilevato nei campioni di riso proveniente da Hunan elevato contenuto di cadmio e di piombo, che in alcuni casi superava la norma consentita di ben 22 volte. Nel 2009 l’avvelenamento da piombo è stato registrato nella provincia di Shengjin e poi, nello stesso anno, il superamento del contenuto consentito di piombo nel sangue è stato rilevato nei bambini che risiedevano nelle provincia di Henan. In ambedue le province si trovano fonderie.
Spesso le autorità locali cercano di far passare in sordina i casi della contaminazione del terreno e dell’acqua da sostanze chimiche nocive che di conseguenza causa i problemi di salute nella popolazione. A volte anche il personale degli ospedali è coinvolto nell’occultamento della portata della disgrazia. Le informazioni sull’avvelenamento da metalli pesanti non si inoltrano in alto e i risultati delle analisi mediche sono falsificati. Il motivo principale è che a Pechino non giunga la notizia sul malessere ecologico. Naturalmente l’intera situazione preoccupa le autorità centrali poiché mette in dubbio la capacità della leadership del paese di costruire in Cina la “green economy”. Tuttavia, secondo il parere degli esperti cinesi, si può risolvere questi problemi soltanto cambiando i criteri della selezione e della valutazione dei funzionari pubblici. Finché il loro avanzamento di carriera dipende dalla calma esterna nelle loro regioni, cercheranno di non rendere pubblici né di risolvere i problemi alla fonte, bensì cercare in tutti i modi di camuffare il malcontento popolare.

Fonte: italian.ruvr, 26/07/2014

English version, ibtimes.co.uk, 16 July 2014: China Lead Poisoning: Free Milk Offered in Exchange for Blood Test Results

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.