CINA: indagine conduce all’evidenza di espianto forzato di organi nella città di Handan (Video)

Nel Maggio 2006, i media locali di Handan hanno riportato la notizia di un trapianto di fegato conclusosi con successo all’Ospedale Centrale di Handan. Il tipo di sangue del paziente era dei più rari: AB Rh negativo, che possiede solo lo 0,2% della popolazione, tuttavia l’ospedale ha trovato un fegato compatibile in 24 giorni.

Il trapianto venne fatto di notte, e il paziente ha riottenuto la sua salute dopo l’operazione. Come ha fatto l’ospedale a trovare un organo compatibile così velocemente? Un medico più tardi disse che la corte locale è la fonte del rene compatibile. Egli disse ai suoi pazienti che essi possono contattare il tribunale in anticipo per avere organi compatibili.

Dipinto: l’atrocità del PCC. Espianto di organi da praticanti

È veramente possibile che la fonte degli organi del tribunale di Handan fossero i praticanti del Falun Gong che erano detenuti nel rifugio antiaereo dell’Ospedale Militare 285. Si sospetta inoltre che un gran numero di praticanti siano stati trasferiti nell’edificio e usati come riserva vivente di organi.

La forza maggiore che guida il commercio di organi e l’enorme guadagno che vi si può fare. Questo porta alla collaborazione di esercito, prigioni, tribunali, uffici del procuratore e polizia.

Queste istituzioni hanno lavorato fianco a fianco, espiantando organi da un gran numero di praticanti del Falun Gong per ricavare enormi profitti. Basandosi sulle prove si è stimato che il numero di organi espiantati ad Handan è sconvolgente. Il Centro di Detenzione N. 2 è stato colluso con la polizia ed ha partecipato in questo crimine.

Prelievi di sangue sospetti nel Campo di Lavoro Forzato a Handan

Dall’aprile 2014 si sono verificati numerosi incidenti nelle province di Sichuan, Guizhou, Liaoning, ed Hebei nelle quali la polizia segreta ha arrestato praticanti del Falun Gong e con la forza ha preso prelevato loro campioni di sangue e capelli per l’identificazione del DNA. Un praticante di Handan ha ricordato che ha avuto un esperienza simile mentre era detenuto nel Campo di Lavoro Forzato di Handan:

“Sono stato sottoposto a tre inspiegabili prelievi di sangue durante il mio anno e mezzo di detenzione nel Campo di Lavoro. La prima volta a dicembre 2009, il campo ci ha riuniti tutti e ci ha detto di andare alla clinica del campo per un prelievo del sangue. Tutti abbiamo pensato che fosse molto strano e ci siamo chiesti per quale motivo ci venissero fatte le analisi”.

“La seconda volta nell’ aprile del 2010, i praticanti del Falun Gong vennero sottoposti a prelievi di sangue nella clinica – agli altri detenuti non è stato fatto. Sebbene non ci fossero molti praticanti, l’intero corpo di polizia del campo ci scortò alla clinica, creando in questo modo un’atmosfera di terrore”.

“La terza volta che abbiamo subito gli esami è stato nell’inverno 2010. Questa volta, tutti i detenuti nel campo furono costretti a subire il prelievo del sangue, minimo 500ml a persona. Nei giorni che seguirono il mio braccio mi doleva e ho avuto anche la febbre. L’atrocità dell’espianto di organi era stato già svelato a quei tempi e io avevo il sospetto che anche il Campo di Lavori Forzati di Handan avesse partecipato al crimine. Io credo che attraverso i prelievi di sangue volta per volta stessero raccogliendo informazioni per l’espianto di organi.”

Il silenzio è collusione

L’atrocità dell’espianto forzato di organi da praticanti del Falun Gong è largamente conosciuto. Ha scioccato il mondo e ha attirato grande attenzione. Tuttavia, molti crimini commessi ad Handan collegati con l’espianto forzato di organi sono ancora tenuti nascosti.
Sulla reputazione del PCC nelle atrocità dell’espianto forzato di organi, ogni grado di tolleranza o silenzio aggrava l’accusa di collusione.
È obbligo di ogni persona con senso di giustizia aiutare affinché finisca questa persecuzione e rendere noti i crimine del PCC. Prendere posizione per la giustizia e salvaguardare i diritti umani di ogni essere vivente, inclusi tu ed io.

Fonte: Clearharmony,11/08/2014

English version:

Investigation Leads: Evidence of Forced Organ Harvesting in Handan City

Organs Transplanted at Handan Central Hospital Could Have Come from Falun Gong Practitioners

In May 2006, the local media in Handan reported on a successful liver transplant performed at Handan Central Hospital. The patient’s blood type was the rarest: AB RH negative, which is only found in 0.2% of the population. However, the hospital found a matching liver in 24 days.
The transplant was done at night, and the patient regained his health after the operation. How did the hospital find a match so quickly? A doctor later said that the local court was the source for the matching liver. He told his patients that they could contact the court in advance for organ matches.

It is very possible that organ sources provided by the local court in Handan were largely from Falun Gong practitioners detained in the air-raid shelter of the 285 Military Hospital. It is also suspected that a large number of practitioners from elsewhere had been transferred to the facility and used as live organ sources.

A major driving force behind the organ trade is the huge amount of money to be made. This led to the collaboration of the Chinese military, prisons, courts,Procuratorate offices, and the police. These institutions have worked hand in hand, harvesting organs from a large number of Falun Gong practitioners for huge profits. Based on the evidence, it is estimated that the number of organs harvested in Handan could be staggering. The No. 2 Detention Center in Handan colluded with the police department and participated in this crime.

Questionable Blood Draws in Forced Labor Camps in Handan

Since April 2014, there have been numerous incidences in the provinces of Sichuan, Guizhou, Liaoning, and Hebei in which secret police arrested Falun Gong practitioners and forcibly took their blood and hair samples for DNA identification. One practitioner in Handan remembered that he had similar experiences while being detained in Handan Forced Labor Camp:

“I was subjected to three unexplained blood draws during my one and a half years of detention in the labor camp. The first time was in late December 2009. One day, the camp gathered us together and told us to go the camp clinic for a blood draw. We all thought it was very strange and wondered what they were drawing our blood for.”

“The second time was at the end of April 2010. Again, Falun Gong practitioners were gathered together to have their blood drawn at the clinic – the other inmates were not called to have this done. Although there weren’t many of us this time, the entire police force in the camp came out to escort us to the clinic, which created an atmosphere of terror in the camp.”

“The third time we were tested was in the winter of 2010. This time, everyone detained in the camp was gathered together and forced to have their blood drawn, at least 500 ml each. My arm ached for a few days afterwards, and sometimes I also had fever. The atrocity of organ harvesting had already been exposed by then, and I was suspicious that Handan Forced Labor Camp was also participating in the crime. I believe that they were collecting information for organ harvesting by drawing our blood from time to time.”

Silence Is Collusion

The atrocity of organ harvesting from Falun Gong practitioners has now been widely reportoed on. It has shocked the world and attracted a great of attention. However, many crimes committed in Handan in connection with the forced organ harvesting are still being covered up.
In the face of the CCP’s organ harvesting atrocities, any degree of tolerance or silence amounts to collusion. It’s the obligation of every person with a sense of justice to help end this persecution and expose the CCP’s crimes. Taking a stand for justice also safeguards the human rights of every human being, including you and me.

NTDTV, 17 /Nov/2012-Uccisi per i loro organi

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.