CINA-Guangdong: Brutalità contro i praticanti del Falun Gong nella prigione di Sihui

Questo rapporto si concentra sulla prigione di Sihui del Guangdong, nota per il suo uso della forza e della violenza nel tentativo di trasformare i praticanti. I praticanti che sono saldi nella loro fede vengono torturati oltre i limiti della resistenza umana: sono privati del sonno per lungo tempo, non hanno accesso al bagno, non possono parlare, vengono picchiati e costretti a sedersi su un piccolo sgabello.

La quarta sottodivisione, della sesta divisione è la principale responsabile della persecuzione dei praticanti. Tra le persone coinvolte vi sono l’attuale capo e il vice della prigione, i funzionari della Commissione Affari Politici e Legali, e gli ufficiali dell’Ufficio 610. La prigione è gestita dall’Amministrazione penitenziaria del Guangdong.

Il Comitato politico e legale (un’agenzia extra-giudiziaria) e l’Ufficio 610 (un’agenzia extra-giuridica), hanno orchestrato e condotto politiche di persecuzione contro il Falun Gong negli ultimi due decenni.

Di seguito sono riportate alcune istantanee di alcuni casi.

Perseguitati a morte

Jiang Hanquan della città Puning, nel Guangdong, è stato arrestato il 1° dicembre 2014 dopo l’irruzione di agenti in borghese in casa sua.

Mentre si trovava nel centro di detenzione di Puning, Jiang ha sviluppato una pressione sanguigna pericolosamente alta, problemi renali e iperuricemia (elevati livelli di acido urico nel sangue). È stato condannato a tre anni e mezzo nel carcere di Sihui il 9 aprile 2015 ed è stato rilasciato alla fine del 2017.

Dopo il suo rilascio, ha detto che la prigione ha usato ogni tipo di tortura e di mezzi ingannevoli nel tentativo di costringere i praticanti del Falun Gong a rinunciare alla loro fede, indipendentemente dall’età e dallo stato di salute. Un altro praticante, il signor Liu Beiping, ha avuto un’emorragia cerebrale e si è paralizzato a causa della tortura. Il signor Jiang ha anche raccontato che le guardie prelevavano periodicamente il sangue dai praticanti. Sospettava che fosse collegato all’uccisione da parte del regime cinese dei praticanti del Falun Gong per i loro organi.

Gli agenti dell’Ufficio Puning 610 hanno spesso molestato il signor Jiang dopo il suo rilascio per fargli abbandonare la pratica del Falun Gong. È morto nel gennaio 2019.

Colpito alla testa

Zheng Minghui della città di Shantou, provincia del Guangdong, è stato arrestato il 23 marzo 2016. È stato condannato a cinque anni dal tribunale del distretto di Jinping il 10 novembre 2017 e portato nel carcere di Sihui il 16 gennaio 2018.

La moglie del signor Zheng, Peng Perishan, è andata a fargli visita il 3 aprile e il 4 maggio 2018 ma gli agenti dell’Ufficio 610 le hanno rifiutato il permesso di vedere suo marito in entrambi i casi, dicendo che il signor Zheng non avevacollaborato.

Peng ha poi assunto un avvocato e le è stato finalmente permesso di vedere il marito Zheng. Durante la visita, ha notato che era emaciato e intontito, e aveva occhiaie. Le ha detto che era stato privato del sonno dopo essere stato costretto a sedersi su un piccolo sgabello per più di dieci ore senza muoversi. In seguito, il signor Zheng ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro la persecuzione.

Quando la figlia del signor Zheng gli fece visita il 22 giugno 2018 egli aveva fatto lo sciopero della fame per quasi cinquanta giorni e pesava meno di cinquanta chili. Aveva notato una cicatrice sulla fronte vicino al sopracciglio destro e un’ampia area di lividi sulla testa e sul braccio dovuti alle percosse. Le ha detto che era stato picchiato dai detenuti, soprattutto sulla testa più di cinquanta volte. Il suo collo era ferito e rigido non riusciva a muoverlo.

In questo momento, il signor Zheng è ancora in prigione.

Guidato al crollo mentale

Zheng Yiying della città di Jieyang, provincia dello Shandong, è stato arrestato nel 2015 dagli agenti dell’ufficio di Chaozhou City 610. In seguito è stato condannato a cinque anni di prigione e portato nel carcere di Sihui.

Il signor Zheng è stato talmente maltrattato che ha avuto un esaurimento nervoso. Nonostante le sue condizioni, le guardie hanno detto ai detenuti di legarlo con una cintura.

Ricostruzione della tortura

Dopo la sentenza, il 18 marzo Zheng è stato portato all’ospedale psichiatrico di Jieyang. In seguito la sua famiglia lo ha portato a casa.

Picchiato per aver rifiutato di partecipare alle sessioni di lavaggio del cervello

Zeng Haiping della città di Meizhou, provincia dello Shandong, è stato arrestato il 21 giugno 2018 e condannato a cinque anni di carcere il 22 marzo 2019. È stato portato nel carcere di Sihui il 21 giugno 2019.

All’inizio del 2020 una guardia ha istigato un detenuto a picchiare più volte il signor Zeng.

Illustrazione della tortura-Pestaggi

Al momento il signor Zeng è ancora in prigione.

Avvocati costretti al licenziamento

Il 24 settembre 2016, Feng Shaoyong e Chen Zeqi sono stati arrestati dagli agenti della stazione di polizia di Ailian e del dipartimento di polizia del distretto di Longgang. Ciascuno di loro è stato condannato a otto anni di prigione nell’agosto 2018 e portato nel carcere di Sihui nel 2019.

Nel marzo 2019, i loro avvocati hanno fatto visita a Feng e a Chen, ed entrambi hanno firmato le loro Procure. Poco dopo, la prigione ha fatto pressione sugli uomini ed essi sono stati costretti a licenziare i loro avvocati due mesi dopo. Ad ora rimangono in carcere.

Il signor Feng, sulla quarantina, ha conseguito un dottorato presso l’Università delle Poste e Telecomunicazioni di Pechino. Il signor Chen è un ingegnere del software.

Elenco parziale dei medici che sono ancora detenuti

1. Liang Shunjing è stato arrestato l’11 dicembre 2015 da agenti del Dipartimento di Polizia di Meijiang. A seguito persecuzione, ha sviluppato tre enormi tumori. È stato condannato a dieci anni e tre mesi il 29 marzo 2016 e portato nel carcere di Sihui il 23 agosto 2016.

2. Lin Yande è stato arrestato il 15 ottobre 2015 dagli agenti del Dipartimento di polizia della città di Jieyang. È stato condannato a otto anni e mezzo, il 30 settembre 2016 presso il tribunale del distretto di Rongcheng e portato nel carcere di Sihui il 19 dicembre 2016.

3. Xu Muqun, un insegnante di scuola media, è stato arrestato a casa il 3 maggio 2018 e detenuto nel centro di detenzione del distretto di Chenghai. È stato condannato a quattro anni di carcere il 12 aprile 2019, presso il tribunale del distretto di Chenghai, e inviato nel carcere di Sihui alla fine di luglio 2019.

4. Wu Chunxiong, proprietario di una piccola azienda nella contea di Jiexi, Jieyang City, è stato arrestato il 22 maggio 2017. È stato condannato a otto anni e mezzo nel maggio 2019 presso il tribunale del distretto di Rongcheng e portato nel carcere di Sihui.

5. Anche Wu Xuqin della contea di Jiexi, Jieyang City è stato arrestato il 22 maggio 2017. È stato condannato a sette anni e mezzo nel maggio 2019 presso il tribunale distrettuale di Rongcheng e portato nel carcere di Sihui.

Parti coinvolte nella persecuzione nel carcere di Sihui:

Huang Zhongwei (黄忠卫), capo del carcere di Sihui: +86-13928882698

Xue Taihui (薛泰辉), vice direttore del carcere di Sihui: +86-13929823686

Mi Yushan (秘玉山), capo dell’ufficio 610: +86-758-3302360, +86-13929847002

(Le informazioni di contatto per altri partecipanti sono disponibili nell’articolo originale cinese).

Versione cinese

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.