CINA – Guangdong, attivista muore in carcere prima del processo: nessuna spiegazione alla famiglia

Zhang Liumao era stato incarcerato il 15 agosto scorso per “aver causato alterchi e problemi” di ordine pubblico. La polizia non ha riferito ai familiari la causa della morte e ha negato di vedere il corpo. L’attivista aveva scritto in una rivista critica del governo.

Guangdong-Un attivista cinese per i diritti umani è morto in prigione ieri e alla famiglia è stato negato il permesso di vedere il corpo. È successo nel campo di detenzione numero 3 di Guangzhou, nella provincia di Guangdong. Zhang Liumao era stato incarcerato per “aver causato alterchi e problemi” di ordine pubblico. Lo staff della prigione non ha dato alcuna spiegazione ai familiari sulle circostanze della morte, che rimangono sospette.

Zhang Weichu, sorella di Liumao, racconta: “La polizia non ci ha volute dire come è morto né dove. Tutto quello che hanno detto è che era morto, di andare lì e di discutere la cosa con la documentazione d’ufficio”. Il corpo di Liumao è ancora al crematorio e la famiglia ha negato il permesso alla cremazione in attesa di informazioni più accurate.

Zhang Liumao è stato incarcerato il 15 agosto con un raid compiuto a casa sua, ma il suo processo non è mai cominciato. Secondo la sorella, l’arresto sarebbe legato alla pubblicazione di una rivista letteraria non ufficiale a Guangzhou, in cui comparivano contenuti non graditi a Pechino. Secondo l’attivista per i diritti umani Qu Bo, “la legge non è chiara per capire se il solo esprimere la propria opinione possa costituire un ‘causare alterchi e problemi’, e questo credo che favorisca l’abuso di potere”.

Wu Bin, attivista per la libertà di parola, ha accompagnato la sorella di Liumao al carcere, ma gli è stato impedito di entrare perché non è un parente del defunto. “La famiglia ha chiesto di avere indietro i suoi effetti personali – dice Wu – ma [i poliziotti] hanno detto che è contro le regole e che gli oggetti saranno tenuti in magazzino”. L’attivista si era recato al centro di detenzione qualche settimana fa per fare visita all’amico in cella, ma gli era stato negato l’ingresso: “La polizia ha giurato che non ci sono stati né pestaggi né maltrattamenti all’interno della prigione. E ora è successo questo”.

Asia News,05/11/2015

English article, Radio Free Asia:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.