- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

CINA: Gli Uighuri chiedono il Genocidio Culturale

Quando la gente dell’ Est musulmano o del democratico Ovest pensa alla Cina,essi sono portati a pensare ad essa come una pacifica,unita,forte nazione di Cinesi,con una lunga storia ed una vita felice sotto la gloriosa guida del Pcc.

Essi nel dopo guerra fredda hanno pensato che la Cina fosse democratica,dimenticando che è stata una delle più brutali dittature del ventesimo secolo.

Volendo entrare nel mercato cinese per guadagnare milioni,molte nazioni e multinazionali hanno chiuso un occhio sulle politiche cinesi di repressione sugli Uighuri

Nella foto: Manifestanti Uighuri a Tokyo gridano slogan durante una manifestazione contro la politica del governo cinese nello Xinjiang

Comunque il mito di una Cina unita e pacifica è stato di recente messo in crisi dalla serie di tragici eventi in Turkestan Orientale,che hanno sconvolto la Cina e la comunità internazionale,che aveva creduto alla interpretazione di Pechino della storia politica e del trattamento preferenziale per le minoranze.

Il 22 maggio i media di stato cinesi riferiscono di un attacco con delle bombe al mercato di Urumqi,che ha provocato 31 morti e 94 feriti.
Pechino ha accusato di questo gli Uighuri. L’ attacco è stato l’ ultimo di una serie,dopo quello alla stazione di Urumqi e in piazza Tienanmen,addebitati agli Uighuri.

Il cattivo sangue tra Cina e gli Uighuri iniziò con l’ occupazione del Turkestan Orientale nel 1949 da parte di forze armate cinesi,con il supporto dell’ Urss.

La “pacificazione” della regione portò alla morte di decine di migliaia di Uighuri.

Inizialmente i comunisti cinesi promisero autogoverno ed anche indipendenza per i popoli non cinesi,ma poi si rimangiarono la promessa,istituendo nel 1955 la regione uigura autonoma dello Xinjiang.

Gli Uighuri sono ora trattati dai cinesi come un popolo colonizzato.

I cinesi deprecano le ingenti risorse naturali del Turkestan Orientale,portando tutto nella madre patria e non lasciando nulla agli Uighuri.
Nei loro confronti è in atto un Genocidio Culturale,nel 1949 erano il 90% della popolazione del Turkestan Orientale,ora solamente il 40%

Alim A. Seytoff, Uyghur American Association. 2,Giugno 2014

English version, Al Jazeera:
China’s Uighurs claim Cultural ‘Genocide’ [1]