Cina – Germania, proiezione di Free China cancellata per «pressioni politiche»

Gisela Somme. The Epoch Times, 27 Agosto 2013

Un evento critico nei confronti del regime cinese è stato inaspettatamente cancellato lunedì ad Amburgo in Germania, apparentemente dovuto a pressioni da parte del Consolato cinese.

Il Centro di Stato per l’Educazione Politica di Amburgo ha improvvisamente cancellato l’evento che aveva promosso in collaborazione con la Società Internazionale dei Diritti Umani (Ishr), un’organizzazione altamente rispettata con sede a Francoforte.

«Anche se nel loro avviso di cancellazione hanno dichiarato che avrebbero preso in considerazione di rimetterlo in programma in un “prossimo futuro” come parte di una serie di eventi, per la Ishr è stato ovvio che l’evento è stato cancellato per le pressioni dei cinesi», ha detto l’Ishr il 26 agosto in un comunicato stampa.

«In passato, il Consolato della Repubblica popolare cinese (Rpc) ha già esercitato la sua influenza ad Amburgo con lo scopo di prevenire eventi critici [per la Cina]», continua il comunicato.

Nel comunicato si dice che la Rpc ha anche agito per fermare alcuni gruppi, «come la scuola di meditazione buddista del Falun Gong, dal prendere parte agli eventi».

L’evento, in programma per il 27 agosto, consisteva in una proiezione del film documentario Free China – Il coraggio di credere, del pluripremiato regista di Tibet – Al di là della paura Michael Perlman, seguito da una tavola rotonda sul prelievo forzato di organi ai praticanti del Falun Gong in Cina.

Ma poco dopo che è stato mandato un invito al Consolato Generale Cinese di Amburgo, gli organizzatori hanno ricevuto una denuncia da parte del membro del consiglio di Stato di Amburgo, in cui si diceva che l’evento «non era abbastanza neutrale», ha detto l’Ishr nel suo comunicato.

«Questa dubbia coincidenza, così come le precedenti esperienze di Amburgo, risvegliano il sospetto che l’evento sia stato cancellato sotto pressioni politiche», ha spiegato Martin Lessenthin, portavoce per l’Ishr.

«Il vago riferimento a una futura serie di eventi, senza la precisazione di un periodo di tempo, è un’indicazione che non ci sono programmi per una data futura», ha detto Lessenthin nel comunicato.

«Purtroppo, questa tattica dei rappresentanti del regime cinese in Germania non è una novità», ha detto Lessenthin. «Per anni, la Repubblica Popolare [Cinese, ndt] ha esercitato una considerevole influenza in Germania per impedire ai dissidenti e ai critici di partecipare alla pubblica espressione di opinione e allo stesso tempo, per creare il tipo di monopolio di opinione che hanno in Cina, qui in questo Paese».

Free China è stato proiettato in oltre 400 proiezioni private, tra cui al Congresso degli Stati Uniti, al Parlamento Europeo e presso la sede centrale di Google. Ha vinto numerosi premi ai film festival internazionali, incluso il 2012 Free Speech, LA Indie e il 45th Worldfest, secondo quanto riportato sul suo sito web.

Il film presenta due praticanti del Falun Gong provenienti dalla Cina, Jennifer Zeng, un ex membro del Partito Comunista e il Dr. Charles Lee, un cittadino naturalizzato americano. Per il loro credo nel Falun Gong, sia Jennnifer che Charles sono stato condannati ai campi di lavoro forzato cinesi. Lee ha trascorso tre anni in un campo di lavoro forzato dove ha dovuto lavorare per lunghe ore facendo prodotti per l’esportazione.

«Free China… serve come lezione mentre i mercati cinesi potrebbero essere liberalizzati, il suo sistema politico no, lasciando troppe persone sotto il dominio di un regime oppressivo e autocratico», ha scritto Jacob Combs il 7 giugno su Indiewire blog. «Questo è un qualcosa che conosciamo, ma che spesso non consideriamo. Le vite di Jennifer Zeng e Charles Lee ci ricordano che abbiamo il dovere di prestare attenzione alla questione».

Il membro del Congresso Chris Smith, dopo aver visto il film, ha detto che questo film sarà un «punto di svolta».

Il Falun Gong è una pratica spirituale che affonda le sue radici nella cultura tradizionale cinese, che consiste di cinque esercizi, inclusa la meditazione ed è basato sui principi morali di verità, compassione e tolleranza.

Secondo il Falun Dafa Information Centre con sede a New York, il Falun Gong, conosciuto anche come Falun Dafa, è perseguitato nella Cina continentale dal 1999. Si crede che decine di migliaia di praticanti abbiano perso la loro vita in seguito a torture o attraverso l’espianto dei loro organi.

Fonte: http://www.epochtimes.it/news/germania-proiezione-di-free-china-cancellata-per-pressioni-politiche—123925

English Version:
http://www.theepochtimes.com/n3/265215-event-critical-of-chinese-regime-canceled-in-germany/

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.