Cina, foto del Monaco Taipey che si è dato fuoco a Ngaba

Hong Kong, Cina – Un monaco tibetano è stato ucciso dalla polizia cinese mentre si dava fuoco a Ngaba (in cinese: Aba) nella zona est del Tibet. Secondo alcuni testimoni, Tapey, fra i 25 e i 30 anni, del monastero di Kirti, è morto mentre cantava slogan e teneva alta una foto del Dalai Lama. La polizia ha sparato 3 volte a lui e almeno un proiettile lo ha colpito.

Testimonianze dal monastero di Kirti affermano che il gesto di Tapey è avvenuto dopo che lui, insieme ad almeno 1000 monaci, erano stati fermati senza poter entrare nella grande sala del monastero per le preghiere nel terzo giorno del Capodanno tibetano (Losar). I monaci più giovani avevano deciso di rimanere fuori del monastero e di pregare all’esterno. Ma i monaci anziani li hanno invece consigliati di disperdersi. Subito dopo Tapey, cosparso di benzina, è uscito portando una grande foto del Dalai Lama e una bandiera tibetana, giungendo fino alla via principale dove si è dato fuoco.

Subito sono partiti 3 colpi d’arma da fuoco e il giovane monaco è crollato a terra. Il suo corpo è stato preso da alcuni uomini, messo in un veicolo e portato via.

L’anno scorso, durante la repressione cinese in marzo, decine di tibetani di Ngaba sono stati uccisi; altri sono scomparsi o messi in prigione.

Il monaco a terra, foto da DossierTibet

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.