Cina: estesa la detenzione dei tre avvocati cinesi per i diritti umani

Tang Jingling

Le autorità cinesi della città meridionale di Guangzhou hanno esteso la detenzione penale dei tre più noti avvocati per i diritti umani con l’accusa di sovversione, dopo averli trattenuti per più degli usuali due mesi.

Tang Jingling, Wang Qingying e Yuan Xinting sono stati arrestati il 16 maggio, inizialmente per aver “acceso dispute e fomentato disordini”.

Le accuse sono state successivamente modificate per la più grave accusa di “incitamento a sovvertire il potere dello Stato“.

I tre sono stati arrestati nel contesto di un giro di vite a livello nazionale su attivisti e familiari di vittime della repressione militare del 1989, del movimento pro-democrazia di piazza Tiananmen nel periodo fino al 25° anniversario del 4 Giugno.

La moglie di Tang Wang Yanfang ha riferito a Radio Free Asia che il periodo di detenzione è iniziato il 20 Giugno, data dell’arresto formale del marito.

“Non lo abbiamo saputo [che la loro detenzione era stato prorogata] fino ad oggi. Ora hanno lo esteso, probabilmente fino al 20 settembre”, ha detto.

Ancora nessun incontro con gli avvocati della difesa

Wang riferisce che a nessuno degli avvocati arrestati è stato ancora concesso il permesso di incontrarsi con la loro difesa. L’avvocato di Pechino, Liu Xiaoyuan, ha confermato che era stato assunto per rappresentare Tang dalla moglie durante il fine settimana, portando il numero degli avvocati della difesa a tre.

Mancanza di prove?

Liu ha detto in un’intervista a Radio Free Asia che i periodi di detenzione penale possono essere prorogati in prima istanza ad un mese.

“Non so perché lo hanno esteso”, ha detto. “Probabilmente perché stanno avendo difficoltà di raccolta prove sufficienti per sostenere il caso.” Ha inoltre aggiunto che la polizia gli aveva detto che tutte le decisioni circa gli incontri con i tre avvocati erano state fermate da decisioni “dall’alto”.

Nel frattempo, la moglie di Wang Zeng, Qingying Jieshan, ha detto che era stata convocata dalla polizia dello Stato di Guangzhou Venerdì scorso e che hanno cercato di convincerla a incriminare il marito. “Mi hanno chiamato senza procedure ufficiali”, ha detto. “Sono stata lì per più di tre ore. Mi hanno detto che se non collaboro, mi avrebbero citato con le stesse accuse del marito, o per aver ostacolato le indagini,” ha detto.

“Oppure potrebbe perdere il lavoro in qualsiasi momento”.


Traduzione: Flavio Brilli per la Laogai Research Foundation

FonteRadio Free Asia

English versionChina Extends Detention of ‘Guangzhou Three’ Lawyers

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.