Cina: eseguite 9 condanne a morte

Nove persone sono state messe a morte in Cina, in relazione ai disordini nella provincia dello Xinjiang dello scorso luglio. I nove erano stati condannati per omicidio, saccheggio e altri crimini che avrebbero commesso nel corso delle violenze interetniche del luglio scorso, nel quale furono uccise quasi 200 persone. L’agenzia ufficiale China News Service afferma che oggi altre 20 persone sono state formalmente accusate di aver assassinato 18 persone nella stessa occasione.

Fonte: Ansa, 9 novembre 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.