Cina: economista uighuro fa sciopero fame e dopo gli è negato cibo per 10 giorni

CINA, PECHINO –L’ economista uighuro Ilam Tohti ha dato vita ad uno sciopero della fame nella prigione nella quale e’ detenuto da gennaio nel nordovest della Cina. In seguito, gli e’ stato negato il cibo per dieci giorni e ora il suo stato di salute e’ estremamente precario. Lo ha denunciato Li Fangping, l’ avvocato che difende Tohti che lo ha visitato ieri.

Li ha precisato che l’ intellettuale uighuro, che e’ stato accusato di “separatismo”, ha iniziato la sua protesta il 16 gennaio, chiedendo cibo “halal”, cioe’ cucinato in modo da rispettare le credenze religiose dei musulmani.

Tohti, che prima di essere arrestato insegnava all’ Universita’ delle minoranze di Pechino, ha promosso con discorsi e scritti il dialogo tra gli uighuri, musulmani e turcofoni, e la maggioranza etnica, i cinesi “han”.

Lo sciopero si e’ concluso dopo dieci giorni con un compromesso: la direzione del carcere si e’ rifiutata di cucinare cibo apposta per Tohti ma ha accettato di fornirgli semplici pasti a base di pane e uova. Dal primo marzo, ha affermato l’ avvocato, la direzione ha smesso di inviargli cibo. Tohti sopravvive bevendo acqua ed e’ dimagrito di 16 chili, ha aggiunto Li.

Blitz quotidiano,27/06/2014

English version,Daily Mail:
Detained Uighur scholar went for days without food

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.