Cina: Ecco come tre leader comunisti cinesi hanno rifiutato il Partito prima di morire

Gu Chunqiu.Epoch Times, 07.01.2014

Prima che abbandonare il Partito Comunista Cinese (Pcc) divenisse un movimento di massa, tre fra i più alti leader del Partito hanno voluto esprimere il loro rifiuto nei confronti del Pcc presentando le loro dimissioni.

Quando nel novembre del 2004 Epoch Times ha pubblicato la serie editoriale dei Nove Commentari sul Partito Comunista, è stato toccato un nervo scoperto del popolo cinese. La serie infatti li ha aiutati a vedere più chiaramente la vera natura e la storia del Pcc e loro hanno risposto in massa.

Nella foto Hua Guofeng , Rong Yiren e Zhao Ziyang,sotto

Dal 2004, oltre 154 milioni di persone si sono dimesse dal Pcc e dalle sue organizzazioni affiliate.

Tre persone che hanno avuto l’opportunità di conoscere il Pcc come pochi altri, sono state: gli ex capi del Partito Hua Guofeng, Zhao Ziyang e l’ex vice presidente Rong Yiren.

Un capitolo poco noto nella storia Pcc è proprio come ognuna di queste persone, verso la fine della sua vita, abbia cercato di ritirarsi dal Partito.

ZHAO ZIYANG

Zhao Ziyang è stato un premier riformista che ha servito il Pcc sotto Deng Xiaoping dal 1980 al 1987 e come segretario generale (capo del Pcc) dal 1987 al 1989.

Nel maggio 1989 è stato spogliato delle sue posizioni per poi esser messo agliarresti domiciliari a causa della sua simpatia verso gli studenti manifestanti in piazza Tiananmen. È rimasto agli arresti domiciliari per quasi 16 anni, fino alla sua morte avvenuta nel gennaio 2005.
Secondo il sito di notizie online Kan Zhong Guo – una fonte con accesso ai più alti livelli del Pcc – Zhao aveva presentato per due volte le sue dimissioni a Jiang Zemin, che era subentrato a Zhao come segretario generale. Jiang, che ha appoggiato la repressione sugli studenti di piazza Tiananmen e ha dato la caccia ai dissidenti dopo il massacro in quella stessa piazza nel 4 giugno 1989, non ha mai risposto alle richieste di Zhao.

HUA GUOFENG

Nel 1978 Hua Guofeng era il leader supremo del Pcc. Ha ricoperto il ruolo di segretario generale del Partito, di presidente della commissione militare centrale e come presidente del Consiglio di Stato.

Si dice anche sia stato il figlio illegittimo di Mao Zedong e che sia salito rapidamente attraverso le file del Pcc grazie al patrocinio di Mao.
La rivista Chengming con sede a Hong Kong ha riferito che nel 2001 Hua, che era un membro del Comitato Centrale, non ha assistito al sedicesimo Congresso Nazionale del Pcc. Più tardi, Hua ha presentato per la prima volta la sua richiesta di lasciare il Pcc.

In una conferenza stampa del 6 novembre 2001 tenuta dal Ministero cinese degli Affari Esteri, un giornalista giapponese ha chiesto a Zhu Bangzao, il portavoce del Ministero: «È vero che Hua Guofeng ha chiesto di dimettersi dal Partito?»

Zhu ha risposto: «Questo va oltre la portata del mio dovere. Mai fare questo tipo di domande nelle future conferenze stampa al portavoce del Ministero degli Affari Esteri». La mancata risposta di Zhu ha fatto sì che gli opinionisti ritenessero che la richiesta di Hua di dimettersi fosse vera.

Nel 2005, diversi media hanno riferito che Hua aveva presentato la stessa richiesta all’allora segretario generale Hu Jintao. Hua ha accusato il Pcc di tradire i diritti legittimi dei contadini e degli operai e di sostenere gli interessi dei funzionari corrotti e deicapitalisti.
Secondo i resoconti dei media, il manager d’ufficio di Hua, la guardia del corpo, il segretario e il suo autista, hanno presentato tutti richiesta di poter chiudere i rapporti con lui.

RONG YIREN

Rong Yiren è morto il 26 ottobre 2005. Al suo funerale, la bara è stata avvolta con la bandiera del Pcc, un trattamento onorevole solitamente offerto solo ai membri del Comitato permanente del Politburo, il gruppo d’elite al vertice del Partito. Se i desideri di Rong fossero stati davvero rispettati, il Partito non avrebbe dovuto trattarlo come uno dei suoi fidati.

Secondo un rapporto del novembre 2005 nella rivista Trend di Hong Kong, Rong ha presentato domanda di diventare membro del Partito per quattro volte. Le prime tre domande sono state respinte perché il Pcc riteneva che Rong avrebbe potuto fare molto di più per il Pcc senza esserne membro.

Rong era un ricco uomo d’affari e un consulente economico che è sempre stato fedele al Partito. Nel 1978, in seguito alla decisione di Deng Xiaoping di aprire l’economia cinese, Rong ha istituito l’organizzazione che ha contribuito a portare il primo investimento occidentale in Cina.
Alla fine, dopo la quarta domanda, nell’aprile del 1985 Rong ha ottenuto la sua qualifica di membro del Partito.

Dopodiché, Rong ha chiesto di lasciare il Partito per tre volte. La prima volta è stata in risposta al massacro di piazza Tiananmen del 4 giugno 1989. Prima che ciò accadesse, aveva chiesto che la leadership del Partito patteggiasse con gli studenti.
Nel 1993, invece di punire Rong per aver rotto con la linea del Partito, il Pcc lo ha nominato vicepresidente del Congresso Nazionale del Popolo.

La sua seconda richiesta di dimissioni è stata presentata nel 1996, dopo un litigio con Jiang Zemin. In una riunione del Politburo, Rong ha criticato la corruzione del Partitoe le sue osservazioni hanno offeso Jiang Zemin.
Dopo un altro contenzioso con Jiang nel giugno del 2000, Rong ha presentato la sua terza richiesta di dimettersi dal Pcc.
La mattina del 19 novembre 2005, quando Rong stava per morire, ha rilasciato una dichiarazione finale nella quale riferiva come un Partito politico che ha perso i suoi principi, che non è disciplinato dalla legge e che si discosta dal popolo perseguendo soldi e profitto, è senza speranza.

Fonte-Epoch Times:http://www.epochtimes.it/news/ecco-come-tre-leader-comunisti-cinesi-hanno-rifiutato-il-partito-prima-di-morire—125070

English version:
How Three Chinese Communist Party Leaders Rejected the Party

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.