Cina. Donna tibetana si immola col fuoco, 141 dal 2009

CINA, PECHINO – Una donna tibetana si è suicidata dandosi fuoco nella contea di Sangchu, in una area a popolazione tibetana nella provincia cinese del Gansu, secondo fonti di esuli tibetani.

La donna, Tashi Kyi, è la 141/ma persona ad autoimmolarsi per protestare contro la politica cinese nel territorio. La prima autoimmolazione è avvenuta nel 2009 e questa drammatica forma di protesta ha avuto il suo picco nel 2012.

In quell’anno 83 tibetani si sono autoimmolati dopo aver lanciato slogan o lasciato messaggi chiedendo il ritorno del Dalai Lama, il leader spirituale del buddhismo tibetano e premio Nobel per la pace che vive in esilio in India dal 1959.

Blitz Quotidiano 29/08/2015

English version,Phayul: Tibetan woman dies of self immolation in Sangchu County

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.