Cina, diversificazione riserve tema lungo periodo-banca centrale

La diversificazione dell’enorme ammontare di riserve valutarie della Cina – pari a 2.270 miliardi di dollari – è un obiettivo di politica economica di lungo termine.

Lo ha dichiarato un alto funzionario della banca centrale cinese dopo che, stamane, il dollaro era sceso a un minimo di quattordici mesi dopo un commento pubblicato da un quotidiano da parte della banca centrale sull’intenzione di aumentare la porzione di euro e yen detenuta nelle riserve.

Alla domanda se Pechino volesse aumentare la quota di euro e di yen detenuta nel proprio portafoglio, il vice governatore della Banca del Popolo, Yi Gang, ha detto che il mercato ha reagito in modo eccessivo alle dichiarazioni rese in precedenza.

“La diversificazione delle riserve valutarie cinesi in divise differenti è la nostra politica da lungo tempo” ha detto a Reuters. “Ma questo tipo di diversificazione non significa volatilità di breve termine. Visto che le nostre riserve sono enormi, si tratterà certamente di un processo costante” ha detto Yi, che è anche capo dell’amministrazione di Stato per le valute straniere, l’agenzia che si occupa della gran parte delle riserve cinesi.

Fonte: Reuters, 26 ottobre 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.