Cina, denuncia contro la censura

Un fornitore di connettività di proprietà dello stato è accusato di bloccare illecitamente l’accesso ai servizi di Google: una azione legale che ha il sapore della protesta.


Roma – Il venticinquenne cinese Wang Long ha denunciato China Unicom, il secondo più grande operatore telefonico cinese e il terzo più grande al mondo, per l’impossibilità ad accedere a Google e a Gmail.

Si tratta della prima denuncia depositata da un residente cinese nei confronti dell’operatore telefonico, di proprietà dello stato, ed il ragazzo sembra essere preparato: “Con China Unicom ho una rapporto contrattuale: dovrebbero offrimi un servizio di connessione, ma ancora non riesco a connettermi (a tali siti e servizi). Dovrebbero dunque essere ritenuti responsabili per tale mancanza”.

Wang Long sa anche che ha poche chance, ma non si scoraggia, consapevole anche del valore simbolico della sua azione: “Perché dovrei rinunciare alla denuncia? Voglio mostrare alle persone, ed in particolare alle masse online, che bisogna combattere per i propri diritti“.A decidere del caso sarà la corte di Shenzhen, della provincia di Guangdong: per il momento China Unicom non ha commentato la situazione, ma davanti alla Corte sembra aver già confermato l’impossibilità a fornire l’accesso a siti e servizi a cui Pechino guarda con sospetto.

Claudio Tamburrino,Punto informatico,11/09/2014

English version, People Daily, click here: Shenzhen man sues ISP for Google block

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.