Cina costruisce una stazione di polizia per tenere sotto controllo un monastero tibetano

Le autorità cinesi hanno costruito una grande stazione di polizia ed un centro di detenzione nei pressi di un monastero buddista in una zona a popolazione tibetana del Sichuan, secondo le fonti, nel tentativo apparente di intimidire i monaci nell’istituzione religiosa.

I monaci che desiderano lasciare il secolare monastero Muge nella Ngaba (in cinese, Aba) della Prefettura autonoma tibetana Zungchu (Songpan) devono ora avere l’approvazione dalla stazione di polizia per tutte le loro personali attività e di viaggio; riferisce una fonte locale a Radio Free Asia.

“Ora, la costruzione è stata completata,” ha detto, aggiungendo: “a giudicare dal design esterno della struttura, l’edificio contiene anche una prigione”.

Attività di controllo della polizia

“I monaci del monastero di Muge devono riferire alla stazione di polizia, che si trova a circa mezzo chilometro di distanza, per chiedere l’autorizzazione per tutte le loro attività, compresi i viaggi personali”.

“Allo stato attuale, circa 20 agenti di polizia sono di stanza lì,” ha detto.

Il monastero Muge è stata fondata nei primi anni del XIV secolo da un discepolo di Tsongkapa, il fondatore della maggioranza tradizionale Geluk del buddismo tibetano, e oggi ospita circa 300 monaci.

Contea strettamente sorvegliata

La contea di Zungchu è stata attentamente monitorata dalle autorità locali per eventuali segni di imminente protesta contro il dominio cinese.

All’inizio di quest’anno, i funzionari hanno bloccato il tradizionale concorso in  lingua tibetana in Zungchu, citando preoccupazioni per le “implicazioni politiche” della manifestazione; hanno riferito le fonti.

Il concorso, che ha chiesto ai partecipanti di parlare in “puro” tibetano, è stata prevista per il 21 febbraio in collaborazione con l’International Mother Language Day, e doveva essere tenuto nella città di Muge Norwa.

“Il dipartimento cinese competente ha chiamato gli organizzatori dell’evento facendogli annullare il concorso,” ha detto la fonte, aggiungendo, “hanno detto che la lingua tibetana contiene parole che possono essere usate per esprimere opposizione al dominio cinese“.

E l’anno scorso, il “centro tibetano con sede in India per i diritti umani e la democrazia” (Tchrd) ha riferito che le autorità cinesi hanno sequestrato grandi appezzamenti di terreni agricoli ai nomadi nella zona di Muge Zungchu per far posto alla costruzione di progetti idroelettrici.

“Non sono disponibili informazioni sui compensi ufficiali dati alle famiglie danneggiate”, ha detto nella sua relazione il TCHRD nel luglio 2013.

Manifestazioni sporadiche di sfida al dominio cinese sono continuati nelle zone a popolazione tibetana della Cina da quando delle diffuse proteste hanno raggiunto la regione nel 2008, con 133 tibetani che si sono auto immolati come segno di opposizione al governo di Pechino e per il ritorno del leader spirituale tibetano in esilio del Dalai Lama.

Traduzione: Flavio Brilli per la Laogai Research Foundation


FonteRadio Free Asia, 10/10/2014

English version: China Builds Police Post to Keep Tabs on Tibetan Monastery

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.