Cina: controlli online e detenzioni in vista del 4 Giugno

Come di consueto il Partito Comunista Cinese prepara le misure di sicurezza per la settimana del 25° anniversario della repressione del 1989 sui manifestanti per la democrazia intorno a Piazza Tiananmen; le autorità stanno anche prendendo di mira ogni tentativo online di commemorare o affrontare il massacro.

Un gruppo per i diritti cinesi segnala che le autorità nella provincia meridionale cinese del Guangdong hanno arrestato un attivista online che ha lanciato un concorso di scrittura online per commemorare la repressione.

Il sito Weiquanwang scrive che la polizia di Chaoshan nella parte orientale della provincia sta trattenendo in detenzione Zhang Kunle con l’accusa di “fomentare rivolte”.

Zhang in un comunicato che annuncia il concorso ha scritto: “la sanguinosa storia del 4 giugno 1989 rimane in memoria! Invece di odiare, dobbiamo analizzare e comprendere questo evento dal punto di vista delle scienze sociali”.

Decine detenuti

L’amico e attivista di Zhang, Jia Pin, ha detto che le accuse contro Zhang erano illegali e irragionevoli.

“E’ stato attivista per la democrazia a Shenzhen per molto tempo ed erano già andati giù molto duri con lui da quando ha organizzato alcuni pasti [per compagni attivisti] a Shenzhen negli ultimi mesi”, ha detto Jia.

“[Dopo di che], Zhang Kunle tornò a casa nella sua città natale per un po’”.

Riferisce che le decine di attivisti detenuti nel periodo che precede il 25° anniversario, 13 erano nel Guangdong.

“Questo è irragionevole e illegale”, ha detto Jia. “Ma tutti sanno che la Cina non ha alcuna norma di legge per parlare di questo momento.”

“Non c’è nulla nella legge che parla di un concorso di scrittura online”, ha aggiunto.

Gruppi per i diritti dicono che almeno 50 persone sono state arrestate in vista della ricorrenza, con molti di più confinati nelle loro case sotto sorveglianza o scortati lontani dalla polizia di sicurezza dello Stato per delle “vacanze forzate”.

Censura online

Nel frattempo, i servizi di ricerca di Google sembravano essere bloccato a molti utenti in Cina dall’inizio della scorsa settimana, secondo il sito GreatFire.org.

I censori governativi sembrano aver iniziato attaccando principalmente il motore di ricerca di Google e Gmail, tra molti altri servizi, almeno dalla scorsa settimana, rendendoli inaccessibili a molti utenti in Cina, riferisce il gruppo in un articolo sul blog.

«Non è chiaro se il blocco è una misura temporanea per l’anniversario o un blocco permanente”, scrive il gruppo. «Ma poiché il blocco è durato per quattro giorni, è più probabile che Google sarà gravemente scombussolato e poco sfruttabile d’ora in poi”.

Un portavoce di Google ha detto a Reuters: “Abbiamo controllato molto e non c’è niente di sbagliato da parte nostra“. Il rapporto sul traffico globale di Google a disposizione per il pubblico ha mostrato bassi livelli di attività in Cina a partire da circa Venerdì.

Google ha lasciato la Cina nel 2010 dopo uno scontro con il governo per i controlli di Internet e attualmente reindirizza gli utenti di lingua cinese su un sito di ricerca gestito dai suoi server di Hong Kong.

Il complesso sistema cinese di blocchi e filtri garantisce già che siti web stranieri popolari come Facebook, Twitter e YouTube siano di difficile accesso per la maggior parte dei suoi 600 milioni di utenti Internet.

La leadership cinese ha ignorato gli appelli di crescita delle proteste studentesche del 1989, che il partito ha catalogato come “ribellione controrivoluzionaria”.

Il numero di persone uccise quando i carri armati PLA e le truppe entrarono a Pechino la notte tra il 3 e 4 Giugno del 1989 rimane un mistero.

Le autorità di Pechino stimaroro “circa 300” morti, ma non ha pubblicato una quota ufficiale o un elenco di nomi ed ha sempre sostenuto che la violenza era necessaria per porre fine ai disordini.

Esclusiva in italiano per la Laogai Research Foundation Onlus

English version: http://www.rfa.org/english/news/china/censorship-06022014153217.html

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.