La Cina conquista l’Italia. Con gli Ogm

Italia e Pechino celebrano le affinità commerciali al Politecnico di Milano. Otto miliardi di euro di investimenti comuni. Per l’innovazione. E sul palco sale una società cinese. Che presenta la sua specialità: grano geneticamente modificato ultra resistente

Prima che inizi il summit con tutti i leader asiatici, il premier Matteo Renzi e il primo ministro cinese Li Keqiang parlano alla platea del Politecnico di Milano. Dopo i due interventi di rito, inizia il confronto fra gli uomini di affari, chiamati a tracciare il futuro degli investimenti comuni.

Tre gli italiani invitati. Due i cinesi: il presidente della Bank of China e l’amministratore delegato per l’Europa del Beijing Genomics Institute, una società super-innovativa che ha come obiettivo «salvare il mondo», «aiutare l’umanità».

Come? Lavorando sul genoma. Umano. E agricolo: l’esempio portato dal manager pechinese è infatti un seme di grano geneticamente modificato, ultraresistente agli insetti e capace di crescere senza bisogno di molta acqua.

Nella foto; il grano della Bgi nella presentazione al Politecnico

Il futuro? Di sicuro è un futuro su cui l’Italia ha una posizione ben chiara: coltivare Ogm sul nostro territorio è proibito. Forse nessuno l’ha spiegato all’uomo d’azienda cinese, chiamato a festeggiare un contratto quinquennale siglato in giornata con un laboratorio italiano….[…]

L’Espresso,16/10/2014

Per leggere l’intero articolo clic qui: “La Cina conquista l’Italia. Con gli Ogm”

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.