Cina: condannati 10 dissidenti pacifici

Amnesty International ha chiesto al governo cinese il rilascio immediato di 10 dissidenti, otto uomini e due donne, della provincia sud-occidentale del Sichuan condannati il 28 settembre per “aver radunato una folla allo scopo di disturbare l’ordine sociale”, a seguito della manifestazione tenutasi all’esterno della Corte intermedia del popolo di Chengdu per chiedere riforme giudiziarie. Bao Junsheng, Zeng Li, Huang Xiaomin, Zeng Rongkang, Xing Qingxian, Yan Wenhan, Lu Dachun e Yang Jiurong sono stati condannati da due a tre anni di carcere.  Xu Chongli e Liu Jiwei sono stati rimessi in libertà ma obbligati rispettivamente a uno e due anni di sorveglianza. Nel corso del processo, sei dei 10 imputati hanno dichiarato di essere stati torturati e sottoposti a trattamenti degradanti da parte della polizia durante la loro detenzione. Gli avvocati hanno denunciato l’iniquità del procedimento: non è stato permesso loro di presentare prove in difesa dei clienti e sono stati costantemente interrotti quando presentavano le loro argomentazioni legali. Le prove ammesse in giudizio si sono prevalentemente basate su dichiarazioni della polizia e appunti dell’interrogatorio, molti dei quali contraddittori.

Comunicato stampa “Convictions chinese peaceful protesters condemned”

Fonte: Amnesty International, 1 ottobre 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.