Cina, comprano un cadavere per il rito del “matrimonio fantasma”: durante la sepoltura la donna si sveglia

Avevano comprato il cadavere di una donna per seppellirlo a fianco a quello del figlio. Secondo una tradizione resistita a oltre 3mila anni di storia, questo rito lo avrebbe aiutato a non rimanere solo nella vita ultraterrena. Stavano quasi per coprire la bara sotto metri di terra quando hanno sentito dei rumori provenire dall’interno: la donna che giaceva accanto al loro ragazzo non era deceduta, ma era finita nelle rete di una banda di trafficanti di esseri umani che uccide donne per venderle.

La “sposa fantasma”, è stata inviata in ospedale dopo che è stata rinvenuta viva dentro la bara.

È successo a Linzhou, in Cina, dove una famiglia ha involontariamente scoperto e consegnato alla giustizia i membri di una gang, rivelando il lato oscuro di una tradizione millenaria.

I parenti avevano acquistato il corpo per oltre 4mila euro per procedere al rito del “matrimonio fantasma”: secondo la tradizione che resiste ancora in alcune zone rurali del Paese, un uomo e una donna che muoiono senza aver contratto matrimonio rischiano di rimanere soli nella vita ultraterrena. Le famiglie dei defunti comprano così un cadavere, o soltanto delle ossa, per deporlo nella bara. Negli anni il culto ha preso diverse sfaccettature: quello che in un primo momento era un rituale ancestrale riservato alle coppie che in vita non erano riuscite a unirsi in matrimonio, è stato poi allargato ai maschi celibi defunti che venivano sepolti con delle ossa di donna.  È quello che è successo nel caso di Zhao Mei, giovane sordomuta e con un ritardo mentale, che dopo essere stata spacciata per morta e venduta, si è salvata ricorrendo a tutta la sua forza per farsi sentire dall’interno dalla bara. La ragazza è sopravvissuta ed è stata ricoverata all’ospedale di Linzhou. A causa della sua condizione non è stata in grado di aiutare le indagini della polizia che, comunque, è riuscita a fermare sei persone, accusandole di sfruttamento della prostituzione, traffico di essere umani e tentato omicidio. Uno degli arrestati, identificato come Li, ha ammesso durante l’interrogatorio di aver fatto ingerire a Zhao un’enorme quantità di tranquillanti prima di vendere il suo corpo alla famiglia. Secondo gli agenti cinque donne sono state salvate.

Il culto, ormai, è diventato terreno fertile per i trafficanti. Nel 2015 quattordici cadaveri di sesso femminile sono stati trafugati in un villaggio nella provincia di Shanxi: secondo gli abitanti del villaggio i corpi sono stati riesumati per essere rivenduti. Secondo Huang Jingchun, professore dell’Università di Shanghai che ha condotto uno studio sui matrimoni fantasma nello Shanxi tra il 2008 e il 2010, il prezzo di un cadavere o delle ossa di una giovane donna è aumentato drasticamente: il costo dei resti varia dai 30.000 ai 50.000 yuan (dai 4mila ai 6.800 euro), ma può raggiungere anche i 100.000 yuan (13mila e 700 euro). Nel Paese la vendita di cadaveri è stata dichiarata illegale nel 2006, ma la legge non è stata in grado di arginare il traffico.

Il Messaggero,Dicembre 9,2016

English article,Daily Mail:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.