CINA: come Xi Jinping ha distrutto le religioni e si è fatto Dio

Chiese cattoliche demolite o denudate delle loro croci e statue. Le immagini della Madonna col Bambino sono state sostituite con le immagini del “Leader del popolo” Xi Jinping . Cartelli sono stati messi fuori dalle chiese evangeliche che vietano l’ingresso a persone di età inferiore ai 18 anni. I Dieci Comandamenti dipinti con citazioni di Xi.

Questi sono solo alcuni dei modi in cui il Partito Comunista Cinese sta perseguitando i cristiani in Cina.

Ma non sono solo i cristiani. Nell’estremo ovest della Cina, oltre un milione di musulmani languisce nei campi di concentramento – Pechino li chiama “centri di formazione professionale”, mentre le moschee vengono demolite, i segni religiosi rimossi e gli antichi cimiteri rasi al suolo.

Altrove in Cina, i templi buddisti vengono trasformati in santuari che osannano Xi Jinping, il presidente cinese a vita. La sua immagine adorna le pareti, la sua voce registrata risuona dagli altoparlanti ed è il suo “Pensiero” – non quello del Buddha – su cui ora i monaci devono meditare.

Nemmeno i taoisti, l’antica religione popolare cinese, sono sfuggiti a questa nuova rivoluzione culturale. I templi che sono rimasti in piedi per oltre 1.000 anni sono stati chiusi e le statue antiche sono state distrutte, tutto per ordine dei funzionari degli “Affari religiosi”.

Forse alcuni di coloro che sono preoccupati di proteggere i siti culturali in Iran potrebbero risparmiare un pensiero per il derby di demolizione quotidiano in corso in Cina.

Un derby di demolizione che sta per peggiorare e molto di più

Il 1 ° febbraio 2020 sono entrate in vigore nuove restrizioni su tutte le forme di attività religiosa.

Le “Misure di controllo per i gruppi religiosi”, come vengono chiamate le 41 nuove regole, riguardano tutto, dall’organizzazione di riti e riti, alla selezione di leader e riunioni annuali, all’assunzione di personale e alla gestione dei fondi. Tutti questi devono essere segnalati – in anticipo, non meno – ai compagni dell’ufficio “Affari religiosi” per la loro approvazione.

In altre parole, senza il permesso delle autorità, non è possibile organizzare uno studio biblico. E se si ottiene l’autorizzazione, è meglio trattenerla in una sede religiosa approvata dal Partito, in una data approvata dal Partito, con un leader approvato dal Partito e deve essere utilizzata la nuova Bibbia approvata dal Partito, che contiene citazioni di Confucio e, certo, Xi Jinping.

Nessuna direttiva comunista sarebbe completa senza un Catch-22 (Comma 22,il paradosso del mentitore) e le “Misure di controllo” contengono un  ” sotto comma”: “I gruppi religiosi devono anche riferire alle autorità governative appropriate qualsiasi e tutte le altre questioni che dovrebbero essere segnalate”.

Traduzione: possiamo spegnerti in qualsiasi momento per qualsiasi motivo.

Le “misure di controllo” fanno parte della nuova rivoluzione culturale di Xi Jinping, un obiettivo del quale è quello di sradicare tutti i gruppi religiosi che il Partito comunista non può aggregare e controllare. “Un gruppo religioso non può svolgere alcuna attività”, avvertono le nuove regole, “senza registrazione presso l’ufficio Affari civili e l’approvazione dell’ufficio Affari religiosi del governo popolare”.

Ad alcuni gruppi religiosi non sarà mai permesso registrarsi, non importa quanto siano innocenti le loro attività. La Early Rain Covenant Church e il Falun Gong sono già stati dichiarati “culti eretici” e i loro seguaci continueranno a subire arresti, incarcerazioni e, in alcuni casi, torture. Il pastore Early Rain, per esempio, è appena stato condannato a nove anni di prigione.

I membri di altri gruppi sono costretti a unirsi alle organizzazioni controllate dal Partito . Nel caso dei vescovi, dei sacerdoti e dei laici della Chiesa cattolica sotterranea è per esempio l’Associazione cattolica patriottica cinese, i cui leader sono seguiti  dai seguaci del Partito.

Ma, come la Rivoluzione culturale di Mao, la versione del copione di Xi ha un obiettivo ancora più ambizioso. Serve a estinguere del tutto la fede in Dio, sostituendola con la fede nel Partito Comunista Cinese e nel dio “piccolo dio” del momento, che è lo stesso Xi Jinping.

E intende perversamente arruolare chiese, moschee, santuari e templi cinesi in questo sforzo.

Le nuove regole ordinano a tutti i “gruppi religiosi” di “propagandare i principi e le politiche del Partito Comunista Cinese, insieme alle leggi e ai regolamenti nazionali, a tutto il loro personale religioso e seguaci” e di “educare e guidare tutto il personale religioso e i seguaci di abbracciare la leadership del Partito Comunista Cinese, abbracciare il sistema socialista, sostenere la strada del “socialismo con caratteristiche cinesi“. . . e mantenere la politica generale di sinicizzazione della religione “.

Se tutto ciò sembra che il Partito voglia usare gruppi e leader religiosi per promuovere l’ideologia ufficiale e rafforzare la propria presa sul potere, è perché lo fa. Qualsiasi gruppo che rifiuta di essere sovvertito dal Partito in questo modo sarà dichiarato eretico e le loro chiese o templi saranno chiusi o demoliti. Pastori o sacerdoti che si rifiutano di servire il Partito in questo modo – per così dire come commissari politici minori – saranno rimandati a casa o, se resistono, in prigione.

Per quanto riguarda la “politica generale della sinicizzazione della religione”, sappiamo esattamente cosa ciò presagisce. È una politica di sostituzione del culto di Dio con il culto della leadership del Partito Comunista. Hitler e i nazisti tentarono qualcosa di simile negli anni ’30 con il loro programma di nazificazione. Era uno sforzo per trasformare le chiese cattoliche e protestanti della Germania in ardenti sostenitori del nazionalsocialismo e della leadership nazista.

Questo è esattamente ciò che il Partito Comunista Cinese sta cercando di fare oggi in Cina in ogni chiesa cristiana, moschea islamica, santuario taoista e tempio buddista in Cina.

L’obiettivo finale è quello di eliminarli un giorno dal panorama culturale cinese in modo che il Partito Comunista e il suo leader ora divinizzato, Xi Jinping, possano regnare sovrani.

Steven W. Mosher è il presidente del Population Research Institute e l’autore di ” Bully of Asia: perché il sogno cinese è la nuova minaccia per l’ordine mondiale “.

Traduzione a cura di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: New York Post,01/02/2020

English article:

How China’s Xi Jinping destroyed religion and made himself God 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.