- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

Cina: ‘Chanel’ e altri marchi contraffatti cinesi per attirare investitori

Sally Appert.The Epoch Times,05.09.2013

C’è qualcosa di sospetto nel nome dei negozi – che sembrano tutti scritti quasi perfettamente – all’ Olympic Sport Center Wanda Plaza nella provincia del Liaoning in Cina.

Per attrarre rivenditori, il Plaza, aperto di recente, ha alcuni negozi che richiamano dei marchi molto noti nel mondo, come Starbucks e Chanel.
(In foto: Non c’è niente di meglio di una tazza calda di ‘Starbocks’. Molti nomi di marchi internazionali sono contraffatti nell’Olympic Sport Center Wanda Plaza in Cina nella provincia del Liaoning)

Però nessuno di questi negozi è aperto e, se si osserva con più attenzione, i nomi sono errati: Chanel è diventato ‘Cnanel’, Häagen Dazs è ‘Häagen Dezs’ e Hermes è ‘Herwes’.

Il Plaza ha deliberatamente cambiato i nomi, secondo il portavoce statale Xinhua News Agency. Anche il logo e le decorazioni sono simili ai marchi originali.

Il centro, in stile europeo, sta utilizzando i marchi falsificati per una tattica promozionale. I dipendenti del Plaza hanno detto allo Xinhua che le firme sono tutte false e che il Plaza non ha nessun controllo riguardo a quali rivenditori debbano comprare i negozi.
I dipendenti hanno anche spiegato che nessuno dei negozi è stato ancora venduto e che sono in vendita per 44,000 yuan (5.451 Euro) per metro quadro.
Jin Guangyu del Yingke Law Firm ha detto allo Xinhua che la decisione di contraffare questi marchi da parte del Plaza è davvero inusuale, anche se non è inaudito che si promuovano le proprietà usando marchi famosi.

Gli utenti in rete hanno espresso la loro sorpresa per i marchi falsi.

«La pirateria ha raggiunto un nuovo livello. Io e i miei amici siamo semplicemente rimasti senza parole» ha detto un utente con il nickname ‘Love to Horse Around’, secondo Xinhua.

Fonte: http://www.epochtimes.it/news/cnanel-e-altri-marchi-contraffatti-cinesi-per-attirare-investitori—124009

English Version:
http://www.theepochtimes.com/n3/277945-chinese-developer-fakes-brand-names-to-get-investments/ [1]