Cina censura i Rolling Stones, no a Honky Tonk Woman a concerto Shanghai

(AGI) – Roma, 14 mar. – Una “regina dei bar” dai facili costumi: troppo per la Cina. E poco importa che la donna in questione sia la protagonista di una delle canzoni piu’ famose dei Rolling Stones. Con la band capitanata da Mick Jagger, che si e’ esibita mercoledì a Shanghai – per la seconda volta in assoluto sul suolo cinese – la Cina e’ stata categorica: Honky Tonk Woman non potrà essere inserita in scaletta. “Veto”.

E la rock band nota per le sue trasgressioni ha dovuto abbassare la testa. Lo aveva annunciato via Twitter lo stesso Mick Jagger e i fan presenti al concerto hanno confermato che di Honky Tonk Woman non hanno ascoltato una nota. Al 116esimo posto nella classifica delle 500 canzoni piu’ belle di sempre stilata dalla rivista Rolling Stones, Honky Tonk Woman e’ una delle hit piu’ famose della band. Ma, evidentemente, per la macchina della censura di Pechino il testo non e’ adatto all’animo e alla sensibilita’ del popolo cinese.

Vietata anche “Brown Sugar” un destino che le era toccato anche otto anni fa quando il gruppo si esibì per la prima volta in Cina, sempre a Shanghai. Allora rimasero fuori dalla scaletta anche ‘Let’s spend the Night Together’ e altre hit.

I Rolling Stones non sono certo i primi artisti stranieri a cadere nelle maglie della censura cinese che vieta testi dai contenuti ritenuti “osceni” o “politicamente sensibili”. Nel 2008 a Bjork fu vietato di eseguire “Tibet”. Mentre volgari sono considerati i repertori di Katy Perry e di Lady Gaga, le cui canzoni sono tornate sulle frequenze radio qualche mese fa dopo una censura durata tre anni…[…]

Agi.it,14/Marzo/2014

English version, The Guardian, 13 March 2014,click here:
Rolling Stones told not to play Honky Tonk Women at Shanghai gig

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.