Cina; Censura web: Il 1° luglio boicottiamo tutte le attività di internet!

Il primo luglio è l’anniversario della fondazione del partito comunista cinese. La proposta da Ai Weiwei

Sulla sua stessa pelle ha dovuto sperimentare la mannaia dei censori cinesi, che hanno bloccato un suo progetto cyber-artistico teso a informare sui bambini morti nel terremoto del Sichuan dello scorso anno, cancellando regolarmente dal suo blog ogni post ritenuto

sconveniente per il regime, fra cui quelli relativi all’anniversario del massacro di Piazza Tiananmen. Ora Ai Weiwei, notissimo architetto a artista – ma anche attivista politico – cinese basato a Los Angeles, decide di passare al contrattacco: motivo una nuova norma che prevede che tutti i nuovi computer venduti in Cina siano dotati di un dispositivo che automaticamente filtrerebbe i contenuti ritenuti sconvenienti dalle autorità. E per questo chiama i compatrioti a un’inedita forma di protesta: il boicottaggio per un giorno di tutte le attività Internet-based. Data scelta, il prossimo 1 luglio, anniversario della fondazione del Partito Comunista Cinese e anche data dell’entrata in vigore delle nuove norme liberticide…

fonte: Exibart.com, 25 giugno 2009

Vai all’articolo su exibart.com

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.