CINA censura il film “Song of Silence”. Due donne e il loro destino.

“Song of Silence” è un film capace di parlare al pubblico oltre i confini del suo Paese. Pur contenendo temi delicati per eccellenza (incesto, aborto…), il film è personale, poetico, arricchito di simbolismi non invasivi, come è del vero cinema d’autore

Censurato in Cina, “Song of Silence” è un film capace di parlare al pubblico oltre i confini del suo Paese. L’esordiente Chen Zhuo osserva il mondo con occhi diversi dagli altri registi della scuola di Pechino nel raccontare le storie incrociate di Jing, giovanissima sordomuta infantile e aggressiva della provincia di Hunan, e di Mei, ragazza dalle molte esperienze con aspirazioni da rockstar, che aspetta un bambino dal padre dell’altra.

Obbligate a convivere per un periodo, le due donne si detestano; poi, d’improvviso, l’ostilità lascia il posto a un’amicizia ai limiti della sorellanza. Ciò non le preserverà, però, dalle insidie del destino.

Pur contenendo temi delicati per eccellenza (incesto, aborto…), il film è personale, poetico, arricchito di simbolismi non invasivi, come è del vero cinema d’autore (vedi il gioco con le costruzioni di legno, metafora della fragilità della famigliastra appena costituita).

La cosa più suggestiva è l’attenzione per l’elemento sonoro. Tutto il film è traversato da musica e canzoni, a sottolineare l’isolamento (che percepisci anche dall’inquadratura) cui Jing è condannata dal suo handicap.

Roberto Nepoti,Repubblica.it,29/05/2014

Trama:

Jing è un’adolescente sordomuta, affidata alla madre dopo il divorzio dei genitori. Abita in un villaggio di pescatori con il nonno e lo zio materno perché non vuole vivere con la madre ed il suo amante. Trascura gli studi e cerca costantemente rifugio nella barca del giovane zio, l’unica persona con la quale si sente a proprio agio e dalla quale si sente amata. Il rapporto tra i due giovani finisce per oltrepassare i limiti della moralità e Jing è costretta ad andare a vivere in città con il padre Zhang Haoyang. Funzionario del locale ufficio di polizia, Zhang è uno sciovinista che non ama la figlia ed è ossessionato dal desiderio di avere un figlio maschio.

Quando la sua amante Mei rimane incinta, Zhang la porta a vivere con sé e con la figlia. Il rapporto tra due donne così diverse – una che non sente e l’altra che vive di musica – con il passare del tempo si trasforma da ostilità e diffidenza a comprensione e solidarietà. Zhang si illude di poter creare una nuova famiglia ma avvenimenti drammatici lo riportano bruscamente alla realtà e lo costringono ad esaminare se stesso come uomo e come padre…

Song of Silence,Trailer:

Trova Cinema Repubblica .it

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.