Cina/ Bevono latte contaminato, morti tre bambini a Pingliang

Tre neonati sono morti e trentasei persone – per la maggior parte bambini – si sono ammalate in Cina dopo avere bevuto latte con ogni probabilità contaminato. Lo hanno riportato governo e organi di informazione. Un’indagine preliminare ha mostrato che le vittime nella città di Pingliang, nel nordovest del Paese, erano state avvelenate con nitrito, un prodotto chimico utilizzato nelle tinture e per conservare la carne, bevendo latte. I decessi si sono verificati ieri, secondo la relazione d’inchiesta.
Questo scandalo fa seguito a quello del latte contaminato alla melamina nel 2008, che ha causato la morte di almeno sei bambini e il contagio di circa altri 300mila. Secondo il centro americano di controllo e di prevenzione delle malattie, l’avvelenamento al nitrito può causare – tra l’altro – nausee, mancanze respiratorie e perdite di coscienza.
Due aziende casearie sospette sono state chiuse e sono oggetto di un’indagine, secondo un comunicato del comune di Pingliang, che fa parte della provincia del Gansu. La maggior parte dei pazienti ha meno di 14 anni, secondo l’agenzia di stampa Xinhua. Il governo ha precisato in un comunicato che uno di loro si trova in uno stato critico.
L’Amministrazione cinese incaricata del controllo, dell’ispezione e della quarantena (Aqsiq) ha riportato sabato che quasi la metà dei caseifici del Paese aveva l’ordine di cessare la produzione in seguito a un controllo, deciso per riconquistare la fiducia dei consumatori nei prodotti lattiero-caseari dopo lo scandalo del 2008. Solo 643 imprese su 1.176 in totale hanno visto la loro licenza rinnovata, mentre 426 sono fallite per i criteri di qualità fissati dai controlli e che altri 107 hanno già cessato la produzione per mettersi a norma.

Fonte: Virgilio notizie, 8 aprile 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.