Cina: avvocato Liu querela Pechino per proibizione a lasciare il Paese

L’avvocato difensore del premio Nobel per la pace, Liu Xiaobo, Mo Shaoping, ha preannunciato, una querela contro le autorita’ del suo Paese per la proibizione che gli e’ stata imposta a lasciare il Paese, un decreto che giudica ”illegale”. Mo, denuncia in una intervista alla BBC, e’ stato fermato all’aeroporto di Pechino mentre stava imbarcandosi su un volo diretto in Gran Bretagna, dove avrebbe dovuto partecipare a una conferenza di giuristi, ufficialmente perche’ il suo viaggio e’ considerato una ”minaccia alla sicurezza dello stato”. Mo ha accusato le autorita’ cinesi di temere che si sarebbe recato a Oslo per ricevere, a nome di Liu, il premio Nobel. ”Ho chiesto il documento scritto con il provvedimento, ma il poliziotto mi ha detto che non aveva nulla su carta, ma l’ordine emesso dall’ufficio della sicurezza pubblica di Pechino che io non lasciassi la Cina”, ha dichiarato. ”Seguiremo la procedura giudiziaria in Cina e presenteremo una querela contro di loro…questa scusa fa acqua da tutte le parti. E’ illegale”, ha concluso.

Fonte: IGN, 11 novembre 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.