Cina: “Assalto finale al Tibet”. Attacco ai mezzi di sussistenza tradizionali.[video]

La Cina sta spingendo un numero crescente di lavoratori rurali tibetani fuori dalla terra verso centri di formazione in stile militare di recente costruzione dove vengono trasformati in operai, rispecchiando un programma nella regione dello Xinjiang occidentale che i gruppi per i diritti hanno bollato come lavoro coercitivo.

Pechino ha stabilito quote per il trasferimento di massa di lavoratori rurali all’interno del Tibet e in altre parti della Cina, secondo oltre un centinaio di rapporti dei media statali, documenti politici degli uffici governativi in ​​Tibet e richieste di appalti rilasciate tra il 2016-2020. L’aumento delle quote segna una rapida espansione di un’iniziativa destinata a fornire lavoratori fedeli all’industria cinese.

Un avviso pubblicato il mese scorso sul sito web del governo regionale del Tibet ha affermato che oltre mezzo milione di persone sono state formate nell’ambito del progetto nei primi sette mesi del 2020, circa il 15% della popolazione della regione. Di questo totale, quasi 50.000 sono stati trasferiti in lavori all’interno del Tibet e diverse migliaia sono stati inviati in altre parti della Cina. Molti finiscono con un lavoro a bassa retribuzione, compresa la produzione tessile, l’edilizia e l’agricoltura.

“Questo è ora, a mio parere, l’attacco più forte, più chiaro e mirato ai mezzi di sussistenza tibetani tradizionali che abbiamo visto dalla Rivoluzione Culturale” del 1966-1976, ha detto Adrian Zenz, un ricercatore indipendente del Tibet e dello Xinjiang. Questi sono dettagliati in un rapporto pubblicato questa settimana dalla Jamestown Foundation, un istituto con sede a Washington, DC che si concentra su questioni politiche di importanza strategica per gli Stati Uniti “È un cambiamento coercitivo dello stile di vita dal nomadismo e dall’agricoltura al lavoro salariato”.

Reuters ha confermato le scoperte di Zenz e ha trovato ulteriori documenti politici, rapporti aziendali, documenti di appalto e rapporti dei media statali che descrivono il programma.

In una dichiarazione alla Reuters, il ministero degli Affari esteri cinese ha negato con forza che il lavoro sia forzato e ha affermato che la Cina è un paese con lo stato di diritto e che i lavoratori sono volontari e adeguatamente compensati.

“Quello che queste persone con secondi fini chiamano ‘lavoro forzato’ semplicemente non esiste. Ci auguriamo che la comunità internazionale distinguerà il bene dal male, rispetterà i fatti e non si lascerà ingannare dalle bugie ”, ha detto.

Il trasferimento della manodopera rurale in eccedenza nell’industria è una parte fondamentale della spinta della Cina per rilanciare l’economia e ridurre la povertà. Ma in aree come lo Xinjiang e il Tibet, con grandi popolazioni etniche e una storia di disordini, i gruppi per i diritti dicono che i programmi includono un’enfasi eccessiva sulla formazione ideologica. E le quote del governo e la gestione in stile militare, suggeriscono che i trasferimenti abbiano elementi coercitivi.

La Cina ha preso il controllo del Tibet dopo che le truppe cinesi sono entrate nella regione nel 1950, in quella che Pechino chiama una “liberazione pacifica”. Da allora il Tibet è diventato una delle aree più ristrette e sensibili del paese.

Il programma tibetano si sta espandendo mentre cresce la pressione internazionale su progetti simili nello Xinjiang, alcuni dei quali sono stati collegati a centri di detenzione di massa. Un rapporto delle Nazioni Unite ha stimato che circa un milione di persone nello Xinjiang, per lo più di etnia uigura, sono state detenute nei campi e sottoposte a educazione ideologica. La Cina inizialmente ha negato l’esistenza dei campi, ma da allora ha affermato che sono centri professionali e di istruzione e che tutte le persone si sono “diplomate”.

Reuters non è stata in grado di accertare le condizioni dei lavoratori tibetani trasferiti. I giornalisti stranieri non sono autorizzati a entrare nella regione e altri cittadini stranieri sono ammessi solo nei tour approvati dal governo.

Negli ultimi anni, lo Xinjiang e il Tibet sono stati l’obiettivo di dure politiche volte a perseguire ciò che le autorità cinesi chiamano “mantenimento della stabilità”. Queste politiche mirano ampiamente a reprimere il dissenso, i disordini o il separatismo e includono la limitazione dei viaggi dei cittadini etnici in altre parti della Cina e all’estero e il rafforzamento del controllo sulle attività religiose.

Ad agosto, il presidente Xi Jinping ha affermato che la Cina intensificherà nuovamente gli sforzi contro il separatismo in Tibet, dove i tibetani di etnia tibetana rappresentano circa il 90% della popolazione, secondo i dati del censimento. I critici, guidati dal leader spirituale tibetano il Dalai Lama, accusano le autorità cinesi di aver compiuto un “genocidio culturale” nella regione. L’ottantacinquenne premio Nobel risiede a Dharamsala, in India, da quando è fuggito dalla Cina nel 1959 a seguito di una rivolta fallita contro le autorità cinesi.

ELIMINA I ‘PIGRI’ 

Sebbene in passato ci siano state prove di formazione in stile militare e trasferimenti di manodopera in Tibet, questo nuovo programma ampliato rappresenta il primo su scala di massa e il primo a fissare apertamente le quote per i trasferimenti al di fuori della regione.

Un elemento chiave, descritto in più documenti di politica regionale, implica l’invio di funzionari nei villaggi e nelle township per raccogliere dati sui lavoratori rurali e condurre attività educative, volte a costruire lealtà.

I media statali hanno descritto una di queste operazioni nei villaggi vicino alla capitale tibetana, Lhasa. Secondo il rapporto dei media statali, i funzionari hanno svolto oltre un migliaio di sessioni educative contro il separatismo, “permettendo alle persone di tutti i gruppi etnici di sentire la cura e la preoccupazione del Comitato Centrale del Partito”, riferendosi al Partito Comunista al governo cinese.

Il rapporto afferma che le sessioni includevano canti e balli in un “linguaggio facile da capire”. Tale lavoro di “istruzione” ha avuto luogo prima del lancio dei trasferimenti di massa quest’anno.

Il modello è simile allo Xinjiang, e i ricercatori affermano che un collegamento chiave tra i due è l’ex segretario del Partito comunista tibetano Chen Quanguo, che ha assunto lo stesso incarico nello Xinjiang nel 2016 e ha guidato lo sviluppo del sistema di campi dello Xinjiang. Il governo dello Xinjiang, dove Chen rimane capo del Partito, non ha risposto a una richiesta di commento.

“In Tibet, si sta attuando una versione di livello leggermente inferiore, sotto il radar, di ciò che è stato implementato nello Xinjiang”, ha detto Allen Carlson, professore associato presso il dipartimento governativo della Cornell University.

Secondo i dati del 2018 del National Bureau of Statistics cinese, circa il 70% della popolazione del Tibet è classificata come rurale. Ciò include un’ampia percentuale di agricoltori di sussistenza, che rappresentano una sfida per il programma cinese di riduzione della povertà, che misura il suo successo in base ai livelli di reddito di base. La Cina si è impegnata a sradicare la povertà rurale nel paese entro la fine del 2020.

“Al fine di far fronte alla crescente pressione economica al ribasso sul reddito da lavoro dei lavoratori rurali, ora aumenteremo l’intensità della formazione sulle competenze specifiche … ed effettueremo trasferimenti organizzati e su larga scala dell’occupazione tra province, regioni e città, ”Afferma un piano di lavoro pubblicato a luglio dal dipartimento delle risorse umane e della sicurezza sociale del Tibet. Il piano prevede quote 2020 per il programma in diverse aree.

Alcuni dei documenti politici e dei resoconti dei media statali esaminati dalla Reuters fanno riferimento a pene non specificate per i funzionari che non riescono a rispettare le loro quote. Un piano di implementazione a livello di prefettura chiede “importanti misure di ricompensa e punizione” per i funzionari.

Come nello Xinjiang, gli intermediari privati, come agenti e società, che organizzano trasferimenti possono ricevere sussidi fissati a 500 yuan ($ 74) per ogni lavoratore spostato fuori dalla regione e 300 yuan ($ 44) per quelli collocati all’interno del Tibet, secondo la prefettura.

I funzionari sostengono che i programmi di trasferimento di manodopera in altre parti della Cina sono volontari e molti dei documenti del governo tibetano menzionano anche meccanismi per garantire i diritti dei lavoratori, ma non forniscono dettagli. Sostenitori, gruppi per i diritti umani e ricercatori affermano che è improbabile che i lavoratori siano in grado di rifiutare i tirocini, sebbene riconoscano che alcuni potrebbero essere volontari.

“Questi recenti annunci espandono drammaticamente e pericolosamente questi programmi, inclusa la ‘formazione mentale’ con il coordinamento del governo, e rappresentano una pericolosa escalation”, ha detto Matteo Mecacci, presidente del gruppo “Campagna internazionale per il Tibet” con sede negli Stati Uniti.

I documenti del governo esaminati da Reuters pongono un forte accento sull’educazione ideologica per correggere i “concetti di pensiero” dei lavoratori. “C’è l’affermazione che le minoranze hanno poca disciplina, che le loro menti devono essere cambiate, che devono essere convinte a partecipare”, ha detto Zenz, ricercatore del Tibet-Xinjiang che vive in Minnesota.

Un documento politico, pubblicato sul sito web del governo della città di Nagqu nell’est del Tibet nel dicembre 2018, rivela i primi obiettivi del piano e fa luce sull’approccio. Descrive come i funzionari hanno visitato i villaggi per raccogliere dati su 57.800 lavoratori. Il loro scopo era contrastare gli atteggiamenti verso il lavoro “non posso fare, non voglio fare e non oso fare”, afferma il documento. Richiede misure non specificate per “eliminare efficacemente i” pigri “”.

Un rapporto pubblicato a gennaio dal braccio tibetano della Conferenza consultiva politica del popolo cinese, un organo consultivo di alto profilo del governo, descrive le discussioni interne sulle strategie per affrontare la “povertà mentale” dei lavoratori rurali, compreso l’invio di squadre di funzionari nei villaggi. portare avanti l’istruzione e “guidare le masse a creare una vita felice con le loro mani laboriose”.

TRAPANI E DIVISE MILITARI

I lavoratori rurali trasferiti in centri di formazione professionale ricevono un’educazione ideologica – quella che la Cina chiama formazione “in stile militare” – secondo molteplici documenti politici tibetani regionali e distrettuali che descrivono il programma alla fine del 2019 e del 2020. La formazione sottolinea una rigida disciplina e i partecipanti devono eseguire esercitazioni militari e indossare uniformi.

Non è chiaro quale percentuale di partecipanti al programma di trasferimento di manodopera si sottoponga a tale formazione in stile militare. Ma i documenti politici di Ngari, Xigatze e Shannan, tre distretti che rappresentano circa un terzo della popolazione del Tibet, richiedono la “promozione vigorosa dell’addestramento in stile militare”. Anche le comunicazioni politiche a livello regionale fanno riferimento a questo metodo di formazione.

Versioni su piccola scala di simili iniziative di addestramento in stile militare esistono nella regione da oltre un decennio, ma la costruzione di nuove strutture è aumentata notevolmente nel 2016 e recenti documenti politici richiedono maggiori investimenti in tali siti. Una revisione delle immagini satellitari e dei documenti relativi a oltre una dozzina di strutture in diversi distretti del Tibet mostra che alcune sono costruite vicino o all’interno di centri professionali esistenti.

I documenti politici descrivono un programma di insegnamento che combina formazione professionale, educazione giuridica e “educazione alla gratitudine”, progettato per aumentare la lealtà al Partito.

James Leibold, professore all’università australiana La Trobe specializzato in Tibet e Xinjiang, afferma che ci sono diversi livelli di addestramento in stile militare, alcuni meno restrittivi di altri, ma che c’è un focus sulla conformità.

“I tibetani sono visti come pigri, arretrati, lenti o sporchi, quindi quello che vogliono fare è farli marciare allo stesso ritmo … Questa è una parte importante di questo tipo di educazione in stile militare.”

Nel distretto di Chamdo, nel Tibet orientale, dove sono emersi alcuni dei primi programmi di addestramento in stile militare, le immagini dei media statali del 2016 mostrano operai che si allineano in formazione di addestramento in divise militari. Nelle immagini pubblicate dai media statali nel luglio di quest’anno, si vedono cameriere in abiti militari che si allenano in una struttura professionale nello stesso distretto. Le immagini pubblicate online dalla “Scuola di formazione professionale Chamdo Golden Sunshine” mostrano file di alloggi di base bianchi simili a capannoni con tetti blu. In un’immagine, striscioni appesi al muro dietro una fila di laureati dicono che il progetto di trasferimento del lavoro è supervisionato dal dipartimento locale delle risorse umane e della previdenza sociale.

Le abilità professionali apprese dai tirocinanti comprendono il tessile, l’edilizia, l’agricoltura e l’artigianato etnico. Un centro professionale descrive gli elementi della formazione, tra cui “lingua mandarino, formazione giuridica ed educazione politica”. Un documento di politica regionale separato afferma che l’obiettivo è “realizzare gradualmente la transizione da ‘devo lavorare’ a ‘voglio lavorare’”.

I documenti politici a livello regionale e di prefettura pongono l’accento sulla formazione di gruppi di lavoratori per aziende o progetti specifici. I gruppi per i diritti affermano che questo approccio su richiesta aumenta la probabilità che i programmi siano coercitivi.

CATENA DI FORNITURA 

Può essere difficile rintracciare i lavoratori trasferiti nell’ambito dei programmi, in particolare quelli inviati in altre parti della Cina. In simili trasferimenti di massa di persone uiguri dallo Xinjiang, sono stati scoperti lavoratori nelle catene di fornitura di 83 marchi globali, secondo un rapporto pubblicato dall’Australian Strategic Policy Institute (ASPI).

Ricercatori e gruppi per i diritti dicono che i trasferimenti da queste regioni rappresentano una sfida perché senza accesso non possono valutare se la pratica costituisce lavoro forzato e i lavoratori trasferiti lavorano spesso a fianco delle controparti non trasferite.

I resoconti dei media statali tibetani a luglio affermano che nel 2020 alcuni dei lavoratori trasferiti fuori dal Tibet sono stati inviati a progetti di costruzione in Qinghai e Sichuan. Altri trasferiti all’interno del Tibet sono stati formati nel settore tessile, della sicurezza e della produzione agricola.

Gli avvisi di politica del governo tibetano regionale e i piani di attuazione della prefettura forniscono agli uffici del governo locale quote per il 2020, anche per i lavoratori tibetani inviati in altre parti della Cina. Si prevede che i distretti più grandi forniranno più lavoratori ad altre aree del paese: 1.000 dalla capitale tibetana Lhasa, 1.400 da Xigaze e 800 da Shannan.

Reuters ha esaminato gli avvisi politici emessi dal Tibet e da una dozzina di altre province che hanno accettato lavoratori tibetani. Questi documenti rivelano che i lavoratori vengono spesso spostati in gruppo e soggiornano in alloggi collettivi.

Documenti del governo locale all’interno del Tibet e in altre tre province dicono che i lavoratori rimangono in alloggi centralizzati dopo essere stati trasferiti, separati dagli altri lavoratori e sotto supervisione. Un documento dei media statali, che descrive un trasferimento all’interno della regione, lo ha definito un “servizio di baby sitter punto per punto”.

Il Dipartimento tibetano per le risorse umane e la previdenza sociale ha notato a luglio che le persone sono raggruppate in squadre da 10 a 30 persone. Viaggiano con i leader delle squadre e sono gestite da “servizi di collegamento per l’occupazione”. Il dipartimento ha detto che i gruppi sono gestiti strettamente, soprattutto quando si spostano fuori dal Tibet, dove gli ufficiali di collegamento sono responsabili di svolgere “ulteriori attività di istruzione e ridurre i complessi di nostalgia di casa”. Ha detto che il governo è responsabile della cura delle “donne, bambini e anziani lasciati a casa”.

Reportage di Cate Cadell per Reuters; traduzione di Davide Donateo

Fonte: Database Sei Italia,22/09/2020

Articolo in inglese,Reuters:

Exclusive: China sharply expands mass labor program in Tibet

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.