Cina: Aborto forzato al sesto mese di gravidanza. Il bimbo lasciato morire tra le braccia della madre.(Video)

Reggie Littlejhon, Women’s Right Without Frontiers, 4 Ottobre 2013

Violento aborto forzato di una donna cinese al sesto mese di gravidanza ha fatto i titoli mondiali. E ‘stata trascinata fuori di casa e obbligata all’ aborto forzato al sesto mese di gravidanza. Il marito è stato arrestato in modo che lui non potesse aiutarla.

Reggie Littlejohn, presidente dei diritti della donna senza frontiere, ha dichiarato:

“I nostri cuori sono spezzati per questa coppia e per la perdita violenta del loro bambino. La loro esperienza dimostra ancora una volta la violenza della politica del figlio unico in Cina – Funzionari della Pianificazione hanno fatto irruzione negli appartamenti di una dozzina di famiglie funzionari , trascinarono la donna nel bel mezzo della notte e fu sottoposta all’aborto forzato al sesto mese mesi di gravidanza.

“Purtroppo, non sono gli unici casai. Il governo cinese forza donne ad abortire fino al nono mese di gravidanza. Questi aborti forzati sono a volte così violenti che le stesse donne muoiono insieme ai loro bambini. L’aborto forzato è lo stupro ufficiale del governo.

” Il Partito comunista cinese si vanta di aver impedito 400 milioni di vite attraverso la politica del figlio unico. Hanno riportato 336 milioni di aborti e 200 milioni di sterilizzazioni con l’esecuzione coercitiva della politica. Quasi 1500 bambini per ora sono abortiti in questa politica odiosa. Molti, se non la maggior parte di questi aborti e sterilizzazioni sono imposti.

“Credo che noi occidentali siamo complici dell’esecuzione coattiva della politica del figlio unico. Stiamo finanziando l’UNFPA e International Planned Parenthood (IPPF), tutte e due queste organizzazioni stanno lavorando con il Partito comunista cinese nell’attuazione della politica del figlio unico. L’ex Segretario di Stato Colin Powell ha dimostrato che l’ UNFPA è complice nel controllo coercitivo della popolazione in Cina, e l’amministrazione Bush ha tagliato i finanziamenti.

L’amministrazione Obama ha rinnovato questo finanziamento.

“Dove sono le UNFPA e IPPF adesso? Perché sono sempre in silenzio, anche a fronte dei crimini più violenti contro le donne in Cina? Il silenzio di fronte a tali atrocità costituisce complicità.

“Il Parlamento europeo e la Commissione delle Nazioni Unite sullo status delle donne (UNCSW) hanno entrambe le dichiarazioni rilasciate condannando l’aborto forzato. Dovrebbero investire i loro soldi e le loro energie nell’investigare sull’operato della UNFPA e IPPF. Credo che qualsiasi indagine imparziale rivelerà le complicità.

Politica del figlio unico in Cina causa la morte di 1.500 bambini ogni ora.

“I privati ​​cittadini possono agire firmando la nostra petizione contro l’aborto forzato. Lasciate la vostra voce! “

http://www.womensrightswithoutfrontiers.org/index.php?nav=sign_our_petition

Video commovente : Una coppia parla dell’aborto forzato ( Couple speak of forced abortion).

http://news.sky.com/story/1150016/china-couple-speak-of-forced-abortion

English Version in www.laogai.it , category Press Realease, foreign press- (English language)

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.