Cina, 100 morti in “scontri” fra uiguri e polizia nello Xinjiang

Pechino, 29 lug (TMNews): Gli scontri di lunedì nello Xinjiang, regione musulmana nel nord ovest della Cina, hanno provocato un centinaio di morti. Lo ha dichiarato all’Afp un membro di un gruppo di difesa della minoranza uigura, principale etnia della regione.

“Gli scontri di lunedì hanno provocato un centinaio di morti e feriti”, ha affermato Dilxat Raxit, portavoce del Congresso mondiale uiguro, organizzazione la cui sede è in Germania, citando fonti locali.

Nella foto: forze di sicurezza cinesi nella zona dello Xinjiang nella regione musulmana nel nordovest della Cina

Stando a quanto aveva riportato ieri l’agenzia di stampa governativa Xinhua, un gruppo di uomini armati di coltelli ha attaccato due giorni fa una postazione della polizia e alcuni edifici pubblici nella contea di Shache, e “decine di civili uiguri e han (etnia maggioritaria in Cina) sono rimasti uccisi e feriti”. “Gli agenti hanno ucciso decine di membri della banda – aveva riportato sempre l’organo di stampa – le prime indagini hanno portato alla conclusione che si è trattato di un attacco terroristico premeditato”. (con fonte Afp)

TMNews, 29/07/2014

English version: 100 killed, injured in China’s Xinjiang

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.