- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

CIBO PER LA MENTE E CIBO PER IL CORPO

A Roma il 4 dic.2009 la Laogai Res. Foundation, in accordo con altre associazioni, haorganizzato una cena e un dibattito a tema sul Tibet. La formula usata è quella classicadel “Convito” platonico, nel quale i commensali esprimono il loro pareri sull’argomento stabilito e si confrontano con gli avversari durante un banchetto. Così è accaduto nell’atmosfera coinvolgente del pub “il Maltese”, dove i presenti hanno scambiato le loro opinioni e domande sul Tibet. Hanno impostato l’argomento Valerio Febbo (Circolo Culturale Tibur), Rolando Mancini (Students for a Free Tibet), Riccardo Oliva (Memento Naturae) e Maria Vittoria Cattania (Laogai Res. Found.). Si è discusso del valore spirituale e simbolico che il Tibet ha sempre avuto per l’Occidente non materialista, dell’aggressione cinese nel 1949 e della distruzione sistematica dell’identità fisica, culturale e religiosa che la Cina capital-marxista tenta di concludere, da sessant’anni, nel Paese delle Nevi. Si è accennato alla storica e attuale situazione tibetana, al diritto/non diritto che regola l’universo concentrazionario cinese, alla catastrofe ambientale (inquinamento, desertificazione, siccità) e umanitaria (stragi di civili, uccisioni goccia a goccia e prigioni nere, criticate persino da un giornale del regime), al traffico degli organi e alla politica del figlio unico. Non è stato tralasciato il Xijiang, l’ex Turchestan Orientale, terra degli Uiguri, assoggettato con un colpo di mano e con la politica di insediamento, come il Tibet. La formula ha avuto successo. I piatti ben speziati della cucina tibetana hanno corroborato i corpi e le questioni toccate hanno meravigliato, fra i settanta ospiti, i molti ignari dei crimini compiuti dal regime contro la Terra di Mezzo. Questo infatti era l’antico nome che la Cina si era data, trovandosi armoniosamente tra la terra e il cielo. Considerato l’apprezzamento dei partecipanti si è stabilito di ripetere l’iniziativa in futuro almeno nelle città del Lazio.

Maria Vittoria Cattania