Chongqing, a migliaia contro il governo

Migliaia di manifestanti si stanno scontrando in questi giorni con la polizia a Chongqing, megalopoli del sud della Cina, per protestare contro una fusione che rischia di gettarli nella povertà. I dimostranti, circa 10mila persone, chiedono al Consiglio di Stato di ritirare l’ordine che prevede l’unione del distretto di Wansheng con la contea di Qijiang. Alcune fonti parlano di decine di feriti: il governo centrale ha inviato circa 1.000 agenti in tenuta anti-sommossa per fermare i disordini. A pochi giorni dall’epurazione e dalla messa in stato d’accusa di Bo Xilai, dunque, il suo vecchio feudo torna di nuovo sotto i riflettori. I residenti di Wansheng, distretto minerario della megalopoli, temono di perdere i generosi sussidi statali concessi dal governo all’industria estrattiva e per questo hanno scelto la protesta violenta. I negozi sono chiusi e le strade sono sorvegliate dall’esercito e dalla polizia locale. Un residente spiega i motivi della rivolta: “Qijiang si mangerà il nostro distretto come un serpente, lasciando 280mila persone nella povertà più assoluta. Non ci sarà assistenza sanitaria o pensionistica. È ovvio che siamo arrabbiati”. Il progetto governativo è quello di creare un “mega-distretto” da rendere più competitivo rispetto alle due entità precedenti. Ma i residenti di Wansheng – che da tempo si è affermato come distretto florido dal punto di vista economico – temono che quelli di Qijiang possano approfittare della situazione andando ad appesantire i conti totali e bloccando l’erogazione di fondi pubblici per il welfare da parte di Pechino. Questo timore non è infondato: come spiega il professor Larry Lang le province e i distretti cinesi oramai possono contare soltanto sui propri introiti, dato che il governo centrale sta barando sui conti e rischia l’implosione. Il sindaco di Chongqing, Huang Qifan, ha visitato la zona alcuni giorni fa e ha assicurato l’impegno del governo per “bilanciare e coordinare” lo sviluppo delle aree rurali e urbane. Inoltre, il governo locale ha emesso un comunicato in cui “rassicura la popolazione” riguardo alle pensioni e al sistema sanitario, che “continueranno come sempre”, e ha aggiunto che Wansheng “continuerà a godere delle solite politiche a suo favore.

Fonte: Asia News, 12 aprile 2012

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.