Cina-Vaticano/ Strappo ai rapporti,ordinato vescovo senza ok Papa

Strappo ai rapporti tra Cina e Vaticano. Come preannunciato, è stato ordinato oggi un vescovo cinese senza l’approvazione del Papa e nonostante le proteste dei giorni scorsi della Santa Sede.

L’agenzia stampa ‘Asianews’ del Pontificio istituto missioni estere riferisce che Giuseppe Guo Jincai è stato ordinato oggi vescovo di Chengde (Hebei). L’ordinazione è avvenuta nella chiesa di Pingquan (Chengde) alla presenza di otto vescovi ufficiali legittimi, cioè in comunione con la Santa Sede, alcuni dei quali “sequestrati dal governo nei giorni scorsi”.
“Fonti cattoliche locali hanno riferito ad ‘AsiaNews’ che attorno alla chiesa dove si è svolta l’ordinazione erano spiegate molte forze di sicurezza, mentre molti poliziotti in borghese controllavano ogni luogo. I cattolici locali sono addolorati per l’ordinazione e si domandano se d’ora in poi potranno ricevere i sacramenti da un vescovo non in comunione col papa. Cattolici delle altre diocesi sono invece irati per quello che il governo ha fatto contro la Chiesa, mettendo in imbarazzo i loro vescovi e il Vaticano. Diversi di loro sperano che la Santa Sede non affretti i passi per stabilire relazioni diplomatiche con la Cina”. In Cina era dal 206 che non vi erano state ordinazioni illecite, uno dei nodi dei rapporti tra Pechino e il Palazzo apostolico.

Fonte: Virgilio notizie, 20 ovembre 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.