Chi ha ucciso Li Wangyang?

Pubblichiamo l’appello di Eric Lee, dell’organizzazione internazionale Labour Start, che chiede giustizia per la morte di Li Wangyang

Due giorni dopo il 23esimo anniversario del massacro del 4 giugno di piazza Tienanmen, Li Wangyang, attivista sindacale dal 1980, è stato trovato morto nell’ospedale in cui era detenuto.

La polizia ha sostenuto che si tratta di un suicidio e e ha portato via il corpo senza indugio.

Ma la famiglia di Li non è convinta dalla versione della polizia e sta chiedendo che venga effettuata un’inchiesta sulla sua morte.

Sono sostenuti da decine di migliaia di persone che hanno manifestato nelle strade di Hong Kong alcuni giorni fa.

E la Hong Kong Confederation of Trade Unions – l’unico grande sindacato indipendente legalmente riconosciuto in Cina – ha lanciato una campagna globale per chiedere verità e giustizia per la morte di Li.

È estremamente importante che noi del movimento sindacale internazionale, dimostriamo in questo momento la nostra solidarietà ai nostri fratelli e sorelle in Cina.

Dedica un minuto a firmare e mostrare il tuo sostegno a questa campagna.

E per favore pubblicizza l’iniziativa con i tuoi colleghi del sindacato, collaboratori, familiari e amici.

Grazie mille!

Eric Lee

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.