Chengdu : ai bambini tibetani viene negato il diritto all’istruzione nella propria lingua

Ai bambini tibetani che vivono nella capitale della provincia di Sichuan nel sud-ovest della Cina viene negato il diritto all’istruzione nella propria lingua.

Un manifesto in Cina per lo studio della lingua tibetana

Un educatore  che vive a Chengdu il capoluogo della provincia del Sichuan  afferma che “ circa 2.000 bambini tibetani in età scolare  risiedono nella capitale anche se è previsto l’insegnamento della lingua cinese e tibetana. Tuttavia, nessuna scuola a Chengdu attualmente insegna in lingua tibetana, e tutti i bambini tibetani viene utilizzata solo la lingua cinese come unico mezzo di istruzione. 

Per ora, i genitori tibetani che vogliono educare i propri figli nella lingua tibetana non  hanno altra scelta che mandare i propri figli nelle città di origine

 Alcune famiglie famiglie tibetane che vivono a Chengdu hanno tentato  per anni di creare corsi per i  figli  nella loro lingua madre.  La costituzione cinese garantisce tutele  per la parità di trattamento di etnie minori, e per l’uguaglianza tra le lingue ma ai tibetani questi diritti sono negati.”

 Assegnazione centrale

Un uomo d’affari in una intervista rilasciata a Radio Free Asia  afferma che Chengdu è ormai diventata una zona nevralgica per il commercio, il turismo, cure mediche, e di business per i residenti di prefetture tibetane in Sichuan,  viene stimato che 100.000 tibetani attualmente siano presenti nel capoluogo.

Una fonte anonima riferisce a RFA che “ non c’è insegnamento scolastico in lingua tibetana a Chengdu. La maggior parte dei bambini tibetani qui parlano solo in cinese, e questo ha costretto i genitori interessati a mandare i loro figli nelle  loro zone natali per  imparare la propria lingua”

Scrittori, cantanti e artisti che promuovono l’identità nazionale tibetana e la cultura sono stati spesso arrestati dalle autorità cinesi, con molte pene detentive lunghe e sono stati  vittime di abusi.

Negli ultimi anni il rispetto dei diritti linguistici sono diventati una priorità importante  per i tibetani  impegnati  ad affermare con corsi di lingua organizzati in modo informale che  il governo cinese  considera “illegali”. Le associazioni e gli insegnanti  che si prodigano in questa direzione vengono sottoposti a detenzione e arresto.

Radio Free Asia,19 gennaio 2017

Traduzione Laogai Research Foundation Italia ONLUS

English article,RFA:

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.