Chen Guangcheng sfida Xi Jinping: “Basta vendette, servono riforme”

Chen Guangcheng, dissidente cieco che vive negli Stati Uniti dopo una rocambolesca fuga dalla Cina, ha lanciato un appello al nuovo leader cinese Xi Jinping a favore di una stagione di riforme e del rispetto dei diritti umani nel Paese. L’appello è contenuto in un video pubblicato online dall’organizzazione americana ChinaAid in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani. Nel video Chen parla anche della “vendetta” ordinata dalle autorità cinesi hanno nei suoi confronti dopo il suo trasferimento negli Usa, ovvero la condanna a tre anni e mezzo di galera inflitta a suo nipote Chen Kegui. Il giovane è stato condannato senza prove per aver “ostacolato la giustizia”. Nel filmato il dissidente – noto per le sue battaglie contro gli aborti forzati e la diffusione dell’Aids nel Paese – cita l’esempio del Myanmar: “Se Thein Sein lo può fare è evidente che anche anche Xi può farlo. Ma forse non vuole, e questa scelta dimostrerà che caratura di uomo e di leader abbiamo davanti”. Chen sfida in maniera diretta il prossimo presidente cinese, che entrerà in vigore nel marzo 2013: “Caro Xi Jinping, l’intera nazione ti sta guardando. Puoi scegliere fra seguire l’invito del cielo e del popolo e fare le riforme oppure rapire il governo e mantenere il Partito al potere. Ma le cose non cambieranno: puoi solo decidere se vuoi una transizione democratica pacifica o violenta”. Chen è fuggito dalla provincia dello Shandong – dove scontava degli arresti domiciliari di fatto – nel maggio del 2012. La fuga dalla sua casa e l’ingresso nell’ambasciata americana a Pechino hanno scatenato una lunga partita diplomatica che si è conclusa con la sua partenza per gli Usa, dove oggi segue un corso universitario.

Fonte: Asia News, 4 dicembre 2012

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.